lunedì 18 dicembre 2017

Mastella resuscita l'Udeur, con lui Badoglio portavoce e Garibaldi capogruppo alla Camera

Clemente Mastella (Adnkronos)



Venuto a conoscenza delle imminenti elezioni, Clemente Mastella ha deciso che era ora di svecchiare la politica attuale presentando il suo nuovo vecchio partito, l'Udeur.

"Ho saputo che Prodi non si candida più, mi confermate?" Avrebbe chiesto prima di entrare in sala ai giornalisti venuti alla presentazione del nuovo vecchio partito.

"Io e mia moglie abbiamo il sentore che sia giunto il momento di dare voce ai tanti elettori che ci avrebbero votato se solo ci fossimo candidati in tutti questi anni. E sono tanti. Gli elettori dico." Il sindaco di Benevento ha poi letto lo statuto del nuovo vecchio partito, elencato i progetti per i quali si batterà e consegnato lo spartito dell'inno ufficiale del suo nuovo vecchio partito.

"Il mio partito si occuperà di New Technology e politiche socio ambientali in ambito democristiano ma con un occhio al centro destra, purché sia garantita un'alternanza di buon senso sia pluralista che garantista. Non mancheranno progetti di umanesimo giudiziario, illuminismo centrista e rinascimento costituzionale, ma sempre sullo sfondo di quell'orizzonte laico che ci ha contraddistinto dagli altri partiti."






domenica 17 dicembre 2017

Scoperto varco spazio temporale tra tenuta di cinghiali sarda e centro di Roma

"Abbiamo risolto il mistero dei cinghiali a Roma." Ha detto il Commissario Lo Cocco ad una sala stampa piena di giornalisti. "I cinghiali in questione, che più volte sono stati visti pascolare tra Trastevere e la periferia della capitale nell'arco di un anno, sono cinghiali sardi vittime di un esperimento scientifico."

Proiezione delle slide:



"Il cinghiale, inconsapevole della sua posizione e della sua velocità centripeta, si trovava disgraziatamente in uno dei vertici nel famigerato triangolo di Bob e Alice, creato per la prima volta dal CERN in collaborazione con gli scienziati del Comune di Roma nel lontano 2008."

"In quell'anno vennero infatti smaterializzate due pantegane sarde e rimaterializzate lungo le sponde del Tevere. E queste si trovarono così bene che prolificarono esponenzialmente. Il Comune di Roma dal suo canto, non intervenne per il bene della Scienza."





"Ed è così che, complice i tanti cambiamenti nella Giunta Capitolina, i nuovi scienziati romani non sapessero nulla del diabolico triangolo di Bob e Alice."









sabato 16 dicembre 2017

Super consulenti ingaggiati per trovare gli sprechi a Roma, trovano loro stessi




"Abbiamo cercato in lungo e in largo." Hanno esordito i super consulenti ingaggiati dalla Giunta Raggi per trovare le cause di tanto spreco a Roma. "Ma dopo non poche difficoltà ci siamo trovati."

La relazione finale è stata presentata questa mattina a Piazza Venezia, proprio di fronte al primo oggetto d'indagine della task force: Spelacchio.

La Raggi si è detta soddisfatta del lavoro svolto, ma non avendo letto la relazione ha promesso che l'anno prossimo replicherà con un numero doppio di super consulenti.



giovedì 14 dicembre 2017

Marito vince causa di divorzio presentando scontrini IKEA

Negozio IKEA


Si deciderà tutto in cassazione, ma la pratica di divorzio dei coniugi Malatempora potrebbe fare davvero scuola. Il marito della coppia avrebbe infatti portato di fronte al giudice centinaia di scontrini del parcheggio IKEA nonché le ricevute di acquisto di numerosi mobili da catalogo.

"Il mio assistito oggi non è potuto venire perché sta scansionando anche gli scontrini di Zara, H&M Sephora." Avrebbe detto l'avvocato del Malatempora. "Contiamo di vincere anche l'ultimo grado e se le cose si metteranno male, presenteremo pure i certificati medici attestanti le vene varicose del mio assistito."


(racconto di fantasia nato da fatti, usanze o abitudini del tutto umane)

mercoledì 13 dicembre 2017

Presentato il nuovo libro di Berlusconi, ma sempre con lo pseudonimo Bruno Vespa




Dopo otto ore di comizio elettorale e una platea ormai stordita dalla lunga introduzione del Cavaliere, il giornalista di RAIUNO accenna una velata contestazione con l'ex premier.

"Cavaliere se permette, il libro l'avrei scritto io e vorrei quanto meno rispondere alle domande, se ce ne sono."

Ma Berlusconi, attonito e colto di sorpresa, l'ha buttata sul ridere come suo solito raccontando la famosa barzelletta sui tre giornalisti, quello di Raiuno, quella di Mediaset e quello di La7.


(racconto di fantasia liberamente tratto da fatti di cronaca)

Signora poggia pianta di basilico a Piazza Venezia, turisti lo scambiano per l'Albero di Natale



Antonietta, casalinga e madre di tre figli, stava aspettando l'autobus questa mattina a Piazza Venezia, quando stanca di tenere in mano il vaso di basilico appena comprato, l'ha poggiato a terra inconsapevole che da lì a poco avrebbe congestionato il traffico.

Nel frattempo Spelacchio, lo sfortunato abete donato dal Trentino alla città di Roma, non ha retto il confronto e si è lasciato andare.

"Era depresso già dal giorno che è arrivato." Ci ha detto il CIPPA (Comitato Italiano per la Proliferazione e la Protezione degli Abeti) "Aveva minacciato di tornarsene a casa già dopo le prime pisciate dei cani, per non parlare del bullismo delle piante da balcone e il caldo vento di libeccio. Ma il basilico è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, lui stesso ha detto di sentirsi più inutile di un buono sconto del 5%"

Intanto numerosi sono i turisti che da questa mattina fanno la fila per una fotografia con la pianta di basilico di fronte l'Altare della patria. Ma Antonietta rassicura: "I soldi incassati serviranno al ricovero del povero Spelacchio."


Spelacchio in a sunny day

(racconto di fantasia nato da fatti, usanze o abitudini del tutto umane)

Scomparso asteroide grande quanto il Molise

E' bastato che un astronomo dicesse quanto fosse grande l'asteroide che questo è subito misteriosamente scomparso.

Il fatto è successo ieri pomeriggio all'OASI (Osservatorio Asteroidi Strani e Irregolari) quando il figlio di un noto astronomo giocando con uno dei sette telescopi dell'Oasi ha centrato in pieno lo strano oggetto.



(racconto di fantasia liberamente tratto da fatti di cronaca)

martedì 12 dicembre 2017

Meteo, addio freddo torna il caldo, gli inquirenti: è gelicidio



Al lavoro già da questa mattina alcuni meteorologi di CSI (Comitato Scienziati Italiani), a quanto sembra sarebbero infatti spariti neve e freddo dalle regioni del Centro Italia sotto l'avanzata di un forte vento caldo di scirocco.

"Stiamo analizzando i meteogrammi delle ultime ore, ma sembra che per il freddo non ci sia più nulla da fare." Avrebbe commentato il colonnello Bernacca, pronipote del più famoso detective meteorologico d'Italia.

"L'inversione termica si è avuta tra le quattro e le cinque del mattino, ma già ieri qualche cittadino sembra aver avvertito qualcosa di strano alle ginocchia e alle ossa. Il gelo comunque non c'è più, questo è certo."

Si indaga per gelicidio.


(racconto di fantasia liberamente tratto da fatti di cronaca)

Salta il primo corso di Laurea in Ufologia, addotto il Rettore



Le intenzioni della facoltà di Ufologia ed Esopolitica dell'Università di Akdeniz erano buone, meno buone invece i progetti a lungo termine dei grigi provenienti dalla costellazione di Sirio, che venuti a conoscenza del corso di laurea hanno pensato bene di rapire il Magnifico Rettore.



"Stavamo seguendo una delle prime lezioni in Raggi Cosmici quando il rettore, docente proprio di Fisica dei Raggi Cosmici e Filosofia dei Quarkoni, è stato addotto."

"Sì.." Ha aggiunto un altro studente. "Un momento prima era lì alla lavagna mentre noi prendevamo appunti, poi c'è stato come un vuoto temporale e quando noi studenti ci siamo ripresi, il rettore era scomparso."

In quel frangente non sono mancati avvistamenti fuori della facoltà e persino a mensa. C'è chi ha visto strani oggetti a forma di sigaro e chi a mensa giura di essere stato servito da un rettiliano.

"Ero sulla 982 quando un disco volante è passato col rosso. Si stava dirigendo proprio in direzione dell'Università." Questa la testimonianza di un pendolare e questo invece il corso della triennale in Ufologia (la specialistica quando troveranno il Magnifico):


I ANNO
  • Fisiognomica aliena
  • Raggi cosmici e filosofia dei quarkoni
  • Anomalie spazio temporali
  • Archiviazione e desecretazione
  • Fondamenti di esopolitica
  • Il metodo X-Files
II ANNO
  • Mostri e algebra non lineare
  • Scienza delle costruzioni volanti
  • Controlli automatici dei portelloni
  • Classificazione degli avvistamenti alieni
  • Probabilità e statistica degli avvistamenti
  • Fondamenti di ipnosi regressiva 
III ANNO
  • Pianificazione dei trasporti degli addotti
  • Impianti industriali sottopelle
  • Marketing degli avvistamenti
  • Chimica delle scie chimiche
  • Ipnosi regressiva 
  • Interrogatori e Cover Up





lunedì 11 dicembre 2017

Filippa Lagerback ha parlato, arriva dopo anni il contraddittorio a Che Tempo Che Fa

Che Tempo Che Fa, RAIUNO


Colpo di scena nella trasmissione condotta da Fabio Fazio, la muta valletta che da dodici anni prende parte nel ruolo di muta valletta, avrebbe finalmente detto la sua.

"Sono dodici anni che cerchiamo un contraddittorio con i nostri ospiti, ma senza successo. E poi se lo mettiamo in atto chi ci viene più? Se lo immagina l'imbarazzo di un politico messo di fronte all'evidenza di domande non concordate? Non sarebbe sano per il programma."

"La soluzione migliore è stata quella di affidarlo a Filippa." Ha aggiunto la Littizzetto. "Quando ieri l'abbiamo sentita parlare per la prima volta, quasi ci è preso un colpo. E poi ha scritto anche un libro, Io pedalo e tu? Quale miglior garanzia."

Basito persino il conduttore Fazio, che non lascia mai nulla al caso. "Avevamo concordato sia le solite battute che il bacio fintamente improvvisato. Ma lei è andata oltre partendo da una disamina sociale su Karl Marx per passare poi alle differenze sostanziali tra la filosofia di Democrito e quella di Epicuro."



(racconto di fantasia liberamente tratto da fatti di cronaca)

domenica 10 dicembre 2017

Sciopero dipendenti Amazon, per protesta leggono libro di Fabio Volo

Ennesimo sciopero da parte dei dipendenti Amazon che questa mattina, in accordo coi sindacati avrebbero messo in atto una seconda forte protesta dopo quella di Novembre scorso. C'è chi si è incatenato ai cancelli dell'azienda, chi ha iniziato lo sciopero della fame e chi impavido, ha cominciato a leggere l'ultimo libro di Fabio Volo. Quest'ultima protesta sembra essere la più temuta da parte della dirigenza aziendale.

"E' una cosa che non può andare avanti." Avrebbero detto i manager. "Per l'ora di pranzo l'avranno finito e poi? Cosa succederà?"

Ed è stato così infatti per il capo muletti del settore 4, che giunto alla fine del romanzo avrebbe detto: "Ci sono rimasto male, pensavo fosse la prefazione. Adesso mi tocca tornare a lavorare."







Recensioni:

"Prodotto come me lo aspettavo, ben imballato e di ottima fattura, ne ho già ordinati altri sette. Come scaldano questi nemmeno il pellet."

"Un libro bellissimo, letto tutto a colazione."

"Mai letto nulla di simile, è il primo libro che leggo da sola."

"Non ho capito se mi sia piaciuto o meno."

"Ottimo libro, c'ho fatto la mia tesi di laurea in Scienze dell'Infanzia."

"E' il nono libro che compro di Fabio Volo, ma la libreria si ostina a rimpiazzarlo con una copia uguale e identica."






(racconto di fantasia liberamente tratto da fatti di cronaca, usanze o abitudini del tutto umane)

sabato 9 dicembre 2017

Freddo popolare in arrivo, meteorologo balbuziente mette tutti d'accordo



Un meteorologo con alcuni problemi di dizione pare sia riuscito nell'ardua prova di dare previsioni meteo che piacciano a tutti. L'AMICA (Associazione Meteoropatici Italiani Con Ansia) ha lodato il suo tentativo insignendolo del premio Meteorologo dell'anno 2017

"Ma io non ho fa-fatto proprio ni-niente." Avrebbe detto all'Amica.

Sta di fatto che una nuova perturbazione è in arrivo nei prossimi giorni portando neve sui mercatini di Natale, pioggia nelle zone più aride della penisola e vento nelle città più inquinate come Roma e Milano. Non mancheranno sole, grandine e scirocco.




(racconto di fantasia liberamente tratto da fatti di cronaca)

Non si tratta solo di 365 giorni

Caro Facebook con queste scemenze sei diventato più falso di un Renzi eletto dal popolo, ma soprattutto (virgola) perché nel breve ricordo del mio 2017, tra tutte le bellissime foto che ti ho propinato, tu mi hai scelto proprio queste?






..secondo me hai qualche algoritmo fuori posto!




sabato 2 dicembre 2017

L'ombrello quantico



Porto l'ombrello e non piove. Lascio l'ombrello e piove, allora porto l'ombrello, ma non piove anzi, esce il sole. Dunque lascio l'ombrello, ma prima grandina e poi piove. Mi scrivono quelli di The Weather Channel e Weather Underground chiedendomi di collaborare con loro. "We are analyzing petabyte of big data but it seems that your umbrella is the only significant variable in the European atmosphere." Non solo, gli ho risposto, ma quando lo apro tira vento e non piove, se lo chiudo ci sono fulmini, ma solo se lo allaccio. Se lo chiudo e non lo allaccio di solito nevica. Ma se provo a misurarne orientamento e posizione nello spazio i dati sballano e con essi le previsioni meteo. L'ho anche avvolto in della carta stagnola e bombardato di neutrini prima di uscire di casa, ma l'equazione non cambia. Porto l'ombrello e non piove.

Per maggiori informazioni: www.lombrellodialberto.it


venerdì 1 dicembre 2017

Fiato alle Trump(et)

Caro Trump(et), siamo stati abbondantemente vaccinati col Bush(copan) per soffrire ancora del mal di pancia che vorresti farci tornare. Da quando sei stato eletto hai seminato dissensi in ogni luogo e rischiato più impeachement tu di Nixon e Clinton messi insieme, ma l'unico a non accorgersene sembra soltanto il tuo ego. Ed è proprio questo il problema. Perché un Presidente degno di questo nome, se solo si accorgesse di errare dal primo giorno del suo mandato, si sarebbe dimesso già da un pezzo e invece tu, che credi fermamente in quello che dici, perché quello che pensi si è smaterializzato sul nascere, continui imperterrito a distruggere chi non la pensa come te. E lo fai nel nome di una bandiera e di chi, pur pensandola diversamente, si sarebbe battuto fino alla morte per permetterti di parlare.

Solo che poi avrebbe dovuto pure ascoltarti.


by Paul Noth on New Yorker

domenica 19 novembre 2017

Questione di secchi

Una signora sui 45 nella corsia di guanti, stracci, secchi, scope e cibo per cani mi fa:
"Senta ma quanti sono 40 litri?"
Mi giro pensando avesse sbagliato persona e la vedo con in mano un rotolo di buste della spazzatura con su scritto 40 Lt . Incalza di nuovo mostrandomi basita l'etichetta.

"40 litri sono come due buste da 20, signora."

L'avevo buttata sullo scherzo, ma la signora deve averla presa come una risposta seria. La sento cercare nel suo archivio mentale gli indizi giusti per capire quanto fossero 20 litri, ma va in panne. "Eh però non so nemmeno quanti sono 20 litri.."
"Eheh, sono qui per questo signora, ma guardi !" E le indico uno dei secchi sull'ultimo scaffale "..quel secchio è da 25 litri , e 40 litri è esattamente il doppio dei quattro quinti di quel secchio."

http://www.ikea.com/it/it/catalog/products/90099049/
Ikea, bidone KNODD

martedì 31 ottobre 2017

Roma - Chelsea



Ore 20.34 suonano al citofono.
Cribbio penso, saranno mica i ragazzini di Halloween?
"Sì chi è?"
"Siamo i testimoni di Genova."
La voce non mi convince, e nemmeno il fatto che fossero di Genova. "Prego lasciate pure la bibbia nella cassetta della pubblicità grazie."
"Ma signore, la prego. Dio si ricorderà che lei ci ha rifiutati!"
Ci penso su, in effetti Dio mi serviva ancora per un paio di cose. "Ok salite."

Suonano alla porta.
"Sì chi è?"
"Siamo i ragazzini di Halloween."
"E i testimoni di Genova?"
"Quello era lo scherzetto."
Apro la porta, e nell'ordine mi trovo Frankenstein, Rick Grimes, Dracula e Kevin Spacey. In quattro non facevano la mia età.
"Ok ok me l'avete fatta bravi, adesso però tornate a casa che c'è Roma-Chelsea."
Nessuna reazione.
"...a casa bimbi, c'è Roma-Chelsea!"
Ma ancora nessuna reazione.
"Allora? Che vi prende?"
"Eh ma noi siamo della Lazio."
"Ah."
"E tu ci devi dei dolcetti."
"Ahhh. Ma per fare la pubblicità che più ne mettete, per quali dolcetti della tradizione?"
"Eh?"
"Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr."

E chiudo la porta soddisfatto.


lunedì 16 ottobre 2017

Il Lunedì

Le giornate di merda si suddividono in due categorie, le giornate di merda che cadono nei giorni dispari e quelle che cadono nei giorni pari. Nei giorni dispari regna sovrano il Lunedì con un'incidenza del 97.2% e sempre fedele alla sua natura, il primo giorno della settimana vi renderà partecipi di tante tante cose, tutte inutili. Nei giorni pari invece la fa da padrone il Lunedì, non pago di essere una giornata di merda dispari, egli cerca con ardore di eccellere anche nella categoria dei pari.

Peraltro sapete bene che il Lunedì non comincia il Lunedì, ma comincia la Domenica sera, quando più nessuno proferisce parola, quando l'aria diventa pesante e quando oscuri presagi ammantano la mente dello schiavo. Anzi, se ci fate attenzione, poggiando un orecchio sulle pareti di casa riuscirete persino a sentire le seguenti parole - al lavorooooo - al lavoroooooooooo!!


E persino la Bibbia ne parla, in Esodo 31,12-17

Il Senior Manager disse a Mosè: "Quanto a te, parla ai tuoi colleghi e riferisci loro: dovrete osservare il Lunedì, perché il Lunedì è un giorno tra me e voi, per i vostri straordinari. E che si sappia che sono io il Senior Manager e che sono io che vi pago. Osserverete dunque il Lunedì, perché dovete lavorare. Chi non lavorerà sarà licenziato; e chiunque in quel giorno non farà un qualche lavoro, sarà eliminato dal progetto. E per sei giorni si lavori, purché il settimo giorno si lavori da casa."

domenica 15 ottobre 2017

La mia prima riunione condominiale

Di quella riunione ho pochi ricordi. Uno soltanto si staglia vivido nella mia mente come fosse ieri. Olga, 93 anni. Single.

Io e Olga eravamo seduti vicini, lei alla mia destra, io alla sua sinistra. Lo Champagne ce l'avrebbero portato dopo. Lei portava un baschetto come quello di Luca Sardella di Linea Verde e invece della convocazione aveva in mano il mazzo di chiavi di casa, a mò di minaccia se la riunione fosse andata troppo per le lunghe.
Olga mi ha fissato per quasi tutto il tempo che siamo stati seduti uno accanto all'altro. Mi ha passato l'acqua circa tredici volte e quando mi giravo verso di lei ne approfittava per chiedermi "Ma lei è nuovo?" e come un pirla le rispondevo sempre "Sì sono nuovo" e la storia continuava sempre uguale "E dove abita?" "E come si chiama?" per finire poi sul "Io me ne vado a letto, sono stanca, parlano troppo e non c'è musica." e dopo cinque minuti l'interrogatorio ricominciava "Ma lei è nuovo?"

La Torre di Babele

Questo siparietto si sarà ripetuto sei o sette volte quella sera. Mentre gli altri condomini discutevano del cambio amministratore e sentivano le ragioni di quello vecchio, io ero impegnato a rispondere al terzo grado di Olga. Mi disse più volte che Dio aveva creato un solo linguaggio e che questo linguaggio era la musica. Poi mi parlò dei suoi cani e della Torre di Babele, ma il nesso mi è sempre sfuggito. Feci anche una gaffe, dandole un valido motivo per tornarsene finalmente a casa.
"E sa bel giovine, io ho anche una macchina!"
Alché il mio timore era che fosse decappottabile e che mi volesse portare al Drive In. "Ah ma non mi dica, non sapevo...!! E la guida pure?" E niente, qui si offese proprio.
"Come sarebbe a dire se la guido? Certo che la guido!! Ma che domande!"
Cercai disperatamente di riallacciarmi all'ordine del giorno, di fare un qualche intervento che mi togliesse da quell'impasse, anche perché il nuovo amministratore l'avevo portato io e per quel che ne sapevo avrebbe potuto dire a tutti. "Oliva mi ha promesso che pagherà lui tutto il mio stipendio mentre voi mi dovete solo le spese di cancelleria. Accettate?"

A quel punto Olga si congedò e la proprietaria di casa l'accompagnò alla porta.
E proprio in quel frangente l'ho sentita chiedere alla padrona di casa chi fossi.




Vega sullo Skyline di Roma

Vega vista dal Gianicolo, Roma (augmented reality)


da Wikipedia:

"Vega è la stella più brillante della costellazione della Lira, la quinta più luminosa del cielo notturno, nonché la seconda più luminosa nell'emisfero celeste boreale, dopo Arturo. Vega è una stella piuttosto vicina, posta a soli 25 anni luce di distanza, la più luminosa in termini assoluti entro un raggio di 30 anni luce dal sistema solare.

Vega possiede una massa circa due volte quella solare ed una luminosità circa 37 volte superiore. L'astro è caratterizzato da un'altissima velocità di rotazione sul proprio asse, che gli conferisce l'aspetto di uno sferoide oblato. Questa rapida rotazione, a causa di un fenomeno noto come oscuramento gravitazionale, si riflette sulla temperatura effettiva fotosferica, che varia a seconda della latitudine presa in esame: infatti, si è notato che la temperatura all'equatore è di circa 2000 K più bassa rispetto a quella rilevata ai poli, ed è proprio in direzione di uno di essi che la stella risulta visibile dalla Terra.

Circa 12 000 anni fa, a causa della precessione dell'asse terrestre, ha svolto il ruolo di stella polare, e lo ricoprirà nuovamente tra altri 13 700 anni.

Alcune irregolarità riscontrate nel disco suggerirebbero la presenza in orbita di almeno un pianeta, per massa simile a Giove.

Vega è la quinta stella più brillante del cielo se vista ad occhio nudo, data la sua magnitudine apparente pari a 0,03 che, associata al caratteristico colore bianco-azzurro, la rende facilmente distinguibile anche dal cielo fortemente inquinato delle grandi città. La facile rintracciabilità della stella è favorita anche dal fatto che Vega costituisce uno dei vertici dell'asterismo chiamato Triangolo estivo, le cui componenti sono, oltre a Vega, Deneb (α Cygni) e Altair (α Aquilae). Questo esteso triangolo rettangolo è molto ben riconoscibile nei cieli notturni poiché non sono presenti stelle altrettanto luminose nelle sue vicinanze; Vega, la più brillante delle tre, si trova sul vertice nord-occidentale, che coincide con l'angolo retto.

Vega domina la costellazione di piccole dimensioni in cui si trova, la Lira, per la maggior parte costituita da stelle relativamente poco luminose; trovandosi quindi in un ambiente povero di stelle luminose, specialmente in direzione ovest, la sua brillantezza risulta particolarmente risaltata.

Data la sua declinazione di +38,7°, Vega è una stella dell'emisfero celeste boreale; questa declinazione fortemente settentrionale fa sì che essa possa risultare visibile solo da latitudini a nord di 51° S, mentre a nord di 51° N appare circumpolare, ossia non tramonta mai sotto l'orizzonte. In virtù della sua posizione molto settentrionale, da questo emisfero è visibile per la gran parte dell'anno.

Vega si trova nella sequenza principale da circa 386 – 511 milioni di anni, e si stima che vi permarrà per almeno altri 700 – 500 milioni di anni; dunque Vega si troverebbe all'incirca a metà della propria sequenza principale, proprio come il Sole, la cui sequenza principale è però dieci volte più lunga. Infatti, le stelle più massicce (e di conseguenza più luminose) utilizzano il loro combustibile nucleare più rapidamente delle altre, a causa del fatto che le reazioni nucleari procedono a un ritmo più sostenuto per contrastare il collasso gravitazionale, direttamente proporzionale alla massa, cui la stella è naturalmente soggetta: Vega è infatti circa 2,11 volte più massiccia e circa 37 ± 3 volte più luminosa della nostra stella."

sabato 14 ottobre 2017

European Remote-Sensing Satellite

"European Remote-Sensing satellite (ERS) è il primo satellite sviluppato dall'Agenzia Spaziale Europea per monitorare la Terra dallo spazio. Venne lanciato il 17 luglio 1991 in un'orbita polare eliosincrona ad un'altezza compresa tra i 782 e i 785 chilometri." (Wikipedia)

....appena visto ad occhio nudo grazie all'applicazione Sky Guide !





Il Satellite peraltro era nella stessa zona d'osservazione dell'ingresso della Stazione Spaziale Internazionale



mercoledì 11 ottobre 2017

Come osservare la Stazione Spaziale Internazionale ad occhio nudo



Signore e signori, oggi 11 Ottobre 2017 alle ore 20.19 Berlin Time, discutendo di infiltrazioni condominiali nel cortile del vicino, ho visto la Stazione Spaziale Internazionale ad OCCHIO NUDO !

"Miro guarda, questa mia nuova applicazione, puoi vedere il cielo stellato in augmented reality"
"Allora ti dicevo, se l'amministratore...."
"No Miro, ne parliamo dopo, mi è appena arrivata la notifica che sta per passare la Stazione Internazionale, cerchiamola!"
"Ma nun dovevamo cercà l'acqua?"
"Ma mica siamo rabdomanti."
"E all'amministratore che je dico?"
"Che prima cerchiamo la stazione"
"Ma c'avevo pure i gessetti per fare i segni a terra..."
"Dopo ci pensiamo, guarda Miro è proprio lì!"
"Ah" (perplessità guardando i gessetti)
"Miro ma dove guardi? Da questa parte!"
E Miro ancora più perplesso mi guarda e mi fa. "Ma stai a guardà er palazzo."
"No Miro è l'Augmented Reality, guarda il mio cellulare!"
"Ma scusa, stavi a guardà a stazione, poi er palazzo e mò er cellulare? Così so boni tutti."
"Eh si, riesco a seguire la stazione da dietro agli oggetti, tramite il cellulare. Tra cinque secondi apparirà!"
Cinque lunghi secondi dopo "Eccola!" E gliela indico.
"Non la vedo"

Daicazzooooooooooooooooooo!

Cinque lunghi minuti di silenzio dopo...
"Adesso posso usare i gessetti?"

 

p.s.
per chi volesse approfondire:
http://divulgazione.uai.it/index.php/Come_osservare_la_Stazione_Spaziale_Internazionale

martedì 10 ottobre 2017

Golgothan IV

Photo: Alex Honnold


La giornata di oggi è stata molto faticosa. E quando dico faticosa, intendo appeso a una parete di sesto grado cercando di arrivare in cima a mani nude, in mutande e prima che giunga la bufera.

La temperatura al mattino era molto bassa, la corda mi si era persino ghiacciata. Poi un raggio di luce mi ha scaldato le mani strappandomi un sorriso. Ma mi è bastato chiudere il sacco a pelo e fare dieci metri che un aquilotto bastardo mi ha cagato in testa. E quando sei appeso a una parete di sesto grado non puoi pensare di farti uno shampoo, né puoi fare le corna all'aquilotto altrimenti caschi di sotto. Verso le undici chiamo l'ufficio aquilotti per fare presente la cosa e mi risponde un call center che mi mette in attesa. Poi casca la linea e mi trovo quattro abbonamenti annuali alla rivista digitale Aquilotto Moderno. Ma procedo. L'aria si scalda, comincio persino a sudare. La fronte madida di... ah no, non era sudore.... poi giungo sul Dente del Giudizio, una roccia spaziosa dove fare una siesta. Qui incontro due simpatici spagnoli o meglio, lui era simpatico, lei era peggio di un maglione bagnato a pelle in una fredda giornata d'inverno. E mi fa "No hay espassio para tres personas!" Ma con una faccia che l'avreste dovuta vedere, alché gli rispondo in perfetto inglese "Ma tu sorella!" E mi apparecchio per farmi un piatto di lenticchie e carote con bruschette aglio, oGLIO e rosmarino. Dopodiché riparto, ma tempo di fare dieci metri che mi accorgo di avere sbagliato montagna. Ero su quella di fronte. Alché scendo di nuovo al Dente del Giudizio e la spagnola mi fa "No soy español soy catalán!" E in perfetto dialetto provenzale gli rispondo "Masticazzi!" Do una pacca sulla spalla del marito (che approva rassegnato) e proseguo la discesa per la cima di fronte. Che detta così rende proprio bene l'idea di quello che ho fatto oggi - LA DISCESA PER LA CIMA DI FRONTE - diceva sempre il mio capo scout Golgothan IV ai tempi in cui la Spagna non era ancora nata: "Per salire bisogna prima scendere. Ma per scendere bisogna solo scendere."
"Que increíble faina!" Aggiunse la spagnola ridendo ereticamente delle parole del Venerabile Golgothan IV, poco prima di essere bruciata dagli occhi di Zeus abilmente camuffati dai miei banalissimi Rayban.

(continua...)


venerdì 29 settembre 2017

La Torre Bianca

"Da una botola a pavimento si intravedono tracce di una più antica costruzione, in materiale diverso dal resto della torre. L’aspetto attuale della costruzione è quello assunto in funzione all’utilizzo militare agli inizi dell’800, durante l’occupazione inglese." 

Come raccontarvi quei momenti in cui ad undici anni, con in mano una candela e un amico al mio fianco, aprimmo quella botola per scendere nei sotterranei di questa vecchia Torre?

Credits: torrefaro.it


Quello che vedemmo là sotto non lo scorderemo mai, compresa la fuga a gambe levate verso la spiaggia!

E in questa fuga devo raccontarvi una cosa. Per entrare nella Torre passammo attraverso alcune inferriate che trovammo divelte e arrugginite. Così che per uscire il passaggio era obbligato e sempre lo stesso. Il mio amico Lillo uscì per primo in tutta fretta e con qualche difficoltà. Io per secondo. Ma la maglietta mi rimase impigliata nelle inferriate. Tanto che quella cosa ebbe tutto il tempo di salire al pian terreno. Ero quasi fuori, ma nell'uscire la gamba mi tagliai dietro al ginocchio. Ero spaventato a morte. Poi guardai le scale che portavano dentro la Torre. E lo vidi.

Era un simpatico topo di campagna.
Ed era l'assistente della Cosa.


(Nel mio prossimo romanzo vi racconterò tutto!)


lunedì 25 settembre 2017

Impara l'arte e mettila da parte

Big Clay 4 di Urs Fischer è arrivata in piazza della Signoria a Firenze:

Credits: Corriere Fiorentino

Credits: Ansa
Credits: Corriere Fiorentino


Grandissima opera d'autore (nel senso di grande, imponente), sicuramente partorita dopo mesi e mesi di difficili tentativi, quando ecco finalmente l'illuminazione, probabilmente nata su quel bianco vaso di ceramica, laboratorio fai da te e fucina di cotanti sforzi, magari facendo le parole crociate e certamente frutto dei postumi di una ricca abbuffata.

Complimenti all'autore, siamo certi che il mondo avesse "bisogno" di una tale opera di genio!


domenica 24 settembre 2017

Campionati mondiali di busta al chiuso

Battuto il campione del mondo Andrej Al Carfur dallo sfidante Alberto Oliva nella disciplina spesa con salto alla cassa per la categoria 60 euro. L'italiano si è piazzato col miglior tempo di sempre entrando e uscendo in soli 12 minuti e 4 secondi. Ai microfoni il neocampione del mondo ci ha detto di aver memorizzato la lista della spesa così bene che poteva recitarla al contrario e in ebraico antico. Ha anche ricordato di essersi allenato su tutte le possibili varianti di posizionamento del prodotto, per colore, forma e peso. In questo stadio del fresco infatti, sapeva che le zucchine avrebbero potuto essere sia a destra che a sinistra così come i broccoli, a volte ci sono, a volte non ci sono. La vera difficoltà ha aggiunto, è rimpiazzare la verdura con un valido sostituto e non perdere tempo dietro a verdure potenzialmente inesistenti come la melanzana tonda. Per non parlare poi di quando si hanno le zucchine vicine ai cetrioli, in questi casi solo l'esperienza ti può salvare. Al Carfur, che ha studiato questa disciplina per mesi e fatto la spesa per anni e in tutte le stagioni, ha ammesso di non aver mai visto niente del genere. "Oliva oggi avrebbe potuto fare la spesa all'indietro, senza carrello e persino a occhi chiusi. Non era un'atleta, era una macchina imbustatrice."


martedì 5 settembre 2017

Soluzioni poligonali

Dio ha inventato la ruota, ed era cosa buona, tonda e giusta. Ma le società di consulenza cercano di emularla prima col quadrato, poi col pentagono, poi con l'esagono e così via.

Internamente all'azienda: "Forza ragazzi ci siamo quasi, ancora un lato e rotolerà perfettamente!"

Al cliente: "La nostra soluzione è all'avanguardia, mai nessuno ha tentato una strada simile. Siamo pionieri in questo campo già da molti anni. A ogni tranche erogata vi aggiungeremo un lato, in questo modo faremo sinergia e vi permetteremo di diventare leader del mercato."



Allo Steering Committee: "Questo è il nostro piano quinquiennale, partiremo con una soluzione standard pentagonale e finiremo con un miriagono tra cinque anni. I nostri esperti di spigoli vi forniranno la giusta assistenza per dirigere ogni sforzo nella direzione del vostro piano industriale e i profit turnover vi faranno fare cassa sia sui poligoni dispari che su quelli pari."

Alché, il povero cliente: "Ok ma perché non fare una ruota?"

"Ah. Beh ma la ruota la fanno tutti, ormai è un prodotto obsoleto. E poi non sai mai dove comincia e dove finisce. Come fermi la ruota? Se il terreno è in discesa poi va da sola, è un vero casino. Ed è per questo che noi stiamo puntando tutto sugli esagoni a due livelli e i rombi multistrato. Siamo primi al mondo nella consegna di soluzioni poligonali!"


domenica 27 agosto 2017

Il mio amico Banjo

Corsetta mattutina, ancora poca gente in giro. I pappagalli della mia zona fanno provviste come al solito. O forse hanno preso sul serio quello che si dice in giro sull'Inverno. Forse sta arrivando davvero. Raggiungo via Boccea. La ASL aperta, il fruttarolo pure. Prendo la prima a destra e comincia lo stuolo di appartamenti con serrande abbassate. Un paio di ragazzi africani spazza rassegnato gli aghi di pino per qualche obolo che darà poi ai suoi schiavisti. Magari tra qualche ora passerà la nettezza urbana con la sua pulizia annuale delle strade. Puliranno il già pulito dal ragazzo sudanese, tanto ormai non si fanno più le cose per farle ma per dimostrare a qualcuno che non c'è motivo di licenziarlo. Proseguo lungo la discesa superando due eleganti vecchiette che parlano di alimenti surgelati uscendo dal portone di casa. Probabilmente stanno andando a messa. Una ha il marito l'altra no. Una il bastone l'altra le fa da appoggio. Subito dopo raggiungo un vecchietto che sta armeggiando il motore della sua auto. E' sua perché è una vecchia Punto, pulita, senza graffi, col paraurti di plastica intonso e la targa vecchia. Sarà andato a lavarla perché era la sua routine quando non era in pensione e l'acqua gli avrà creato problemi al carburatore. Probabilmente non riuscirà a ripararla e dovrà andare a prendere i pasticcini della Domenica a piedi. Almeno avrà qualcosa da raccontare alla moglie e al meccanico. Raggiungo la farmacia dove un'amabile vecchina con cappellino ribaltabile toglie il guinzaglio al suo chihuahua "Aspetta che ti slaccio così fai tutti i tuoi bisogni.."



Cambio marciapiede per cercare un pò d'ombra e mi trovo davanti moglie e marito ottantenni. Lui in canotta (rigorosamente bianca), lei lo sorregge aiutandosi con un bastone. Anche loro stanno andando a messa e probabilmente si sederanno accanto alle signore dei surgelati, misurando chi dei quattro stia messo peggio e raccontandosi gli ultimi acciacchi prima che il prete cominci l'omelia. Saluto con un buongiorno e ricambiano entrambi, lei con un buongiorno pieno e sicuro. Dietro di loro una coppia sui 45 con cocker al seguito. Lui sguardo basso, serio. Non guarda il cane, non guarda il marciapiede, forse non guarda nulla. Lei dietro. Saluto anche loro, ma non ricevo risposta. Poi un altro chilometro senza incontrare nessuno, rallento prendo fiato e spingo su per la salita. Faccio ancora un paio chilometri e mi fermo per il defaticamento. In lontananza sento il suono di un banjo. Anche i pappagalli lo sentono e non sembrano più in fermento. Il banjo puoi anche non saperlo suonare, ma tutti ti ascolteranno lo stesso. Guardo attraverso la radura in direzione del suono e intravedo un ragazzo in balcone che suona tranquillo il suo banjo. Anche questa fottuta calda estate sembra fermarsi per ascoltarlo. Poi il ragazzino comincia a cantare. Ma non è una canzone che ha sentito, né una che ha scritto. E' soltanto la gioia di avere qualcosa da fare. Si fossero conosciuti a inizio estate lui e il suo banjo, l'estate non sarebbe stata così calda, senza scuola né amici né mare. Da quel balcone avrebbe visto navi, turisti e tutti avrebbero chiesto di lui.

Le note del banjo suonavano nell'aria e il tutto era malinconico meno, ne sono certo, che per il ragazzino. Per lui la solitudine è soltanto un ricordo. Quel banjo adesso è la sua libertà.






domenica 30 luglio 2017

Il Faretto

"Vedrai con questi faretti andrà benissimo."
"Sì ma quello che volevo sapere è la potenza delle lampadine."
"Queste sono le più potenti in commercio per questo genere di faretti, vedrai che luce ti faranno in bagno! Dovrai avvisare la torre di controllo quando vai a pisciare."
"Va bene dai, ne prendo due."
Il mio ferramenta di fiducia poggia i due faretti da esposizione sotto il bancone e ne prende altri due da incartare, sempre sotto il bancone.
Torno a casa, scarto il pacchetto, monto i faretti tutto felice e accendo la luce manco fosse l'albero di natale.

Il Nulla. Buio pesto.
I faretti sono bellissimi, ma non hanno le lampadine.


domenica 23 luglio 2017

FERRAMENTA story

Garbatella, entro in un ferramenta per dei semplici bulloni da tenda. Cinque porte d'ingresso, passo dall'unica aperta. Mi guardano in modo strano. Io faccio buongiorno, avrei bisogno di tiranti da 12 con testa esagonale per favore.

"Cosa?"
"Dei tiranti per fissare la molla della tenda da balcone."
"Ah no..."
"Dei bulloni insomma, quelli con stop da 12."
"No non abbiamo bulloni qua"
"Ah." Forse ho sbagliato fruttivendolo penso. "Va bene la ringrazio, buongiorno." Ma non ricevo risposta, solo rassegnazione.

Entro in un ferramenta di Boccea. Questa volta mi porto la foto della vite a croce che voglio sostituire col bullone.
"Ecco guardi, me ne servirebbe una della stessa lunghezza ma più larga e con testa esagonale"
"Un bullone?"
"Esatto!" Sembrava uno sketch di Trivial Pursuit.
"Non ne abbiamo mi dispiace" E tira fuori dal cassetto una vite a croce identica a quella della foto.
"Abbiamo solo questa."
"Ma è la stessa che ho io..."
"Eh allora niente."

Torrevecchia, dietro casa. Ripeto la manfrina e questa volta mi porto il cadavere della vite a croce avvolta in un panno. Le tolgo lentamente le bende col commesso del ferramenta che guarda curioso da vicino. Lo sento quasi pensare mio dio che ci sarà là dentro, un lingottino?
"Ecco qua!"
"Oh ma certo..." Fa il commesso un pò deluso. "Dimensione 12 le va bene?"


Morale della storia: ferramenta e buoi dei paesi tuoi



domenica 9 luglio 2017

La nebbia dell'informatico

Giunto finalmente il weekend, il Ragionier Oliva poté rilassarsi al sole di una bellissima e poco frequentata località balneare laziale.
Arrivato in spiaggia con berretto fotorepellente, olio di foca protezione 100, ombrellone a due piazze e mezzo e frigorifero ambulante alimentato a carbone, la spiaggia venne misteriosamente inglobata nella famigerata nebbia dell'informatico. Evento rarissimo che di solito si verifica là dove c'è un informatico, uno stagno e una temperatura prossima allo zero, la nebbia in questione ebbe luogo alle ore 13 in punto con 39 gradi all'ombra e in piena stagione estiva.
Alché, scambiato per un venditore di grattachecca e ricevuti improperi dai bagnanti per la mancanza di cocco nel suo frigorifero, il Ragionier Oliva s'improvvisò spalmatore di olio di foca per la modica cifra di 1 euro a spalmata.




sabato 8 luglio 2017

Mille di queste ramazze

"All'uomo che ha voglia di fare, Dio concede mille di queste vite." Disse il Potente Zufar, Re del Khan. Poi mi passò la scopa.
"Ma sire!" Lo redarguii. "Io non sono degno di vestire questi abiti da schiavo, né mi si addice questo scopettone color cacca di lama." E gli tornai la ramazza. "Che vita ha in serbo Dio per chi si rifiuta di fare?"
Il Venerabile sorrise mostrando tutte le sue rughe e già sapevo che la sua risposta sarebbe stata peggio di mille terrazze da pulire.
"Sempre mille vite caro Majjhi, ma nessuna di queste sarà ricordata."


lunedì 3 luglio 2017

Omaggio a un genio del cinema

Ore 6.35

Il Ragionier Oliva approfittava della fresca temperatura di 27 gradi all'ombra di un condizionatore per uscire in strada e fare la sua mezza maratona mattutina.

Dopo 1500 metri e due ambulanze passate a sfregio con tanto di pernacchia, il ragioniere si accasciava all'ombra dell'unico fico d'india presente a Roma. Poggiandovisi di spalle.
Quando financo un simpatico cagnolino gli venne in soccorso scodinzolando felice e scegliendolo come nuovo paletto per marcare il territorio, il ragioniere mosso da un ultimo impeto d'amor proprio, ripiegò mestamente verso casa.

COLAZIONE del CAMPIONE 
Per smaltire le 52 calorie e mezzo perse, il ragioniere dissurgelò il frittatone di cipolle della sera prima, accompagnandolo con salsa di peperoni ripieni e una familiare di Coca Zero.

Caffé, barba, bidet, e via di cartellino.



sabato 6 maggio 2017

Cose impossibili: come stirare 5 camicie e non impazzire



Stanco e ormai giunto alla quinta camicia da stirare mi fermo, stacco la presa e rifletto. Poi prendo il mio misuratore laser di temperatura e rilevo 161.2 °C sulla parte centrale della piastra. Alché prendo il metro e rilevo le misure della superficie della piastra facendo attenzione a non bruciarmi. Poso il metro e prendo un pezzo di carta, una penna e una calcolatrice. Mi calcolo l'area approssimativa della piastra (0.0123 metri quadrati) e cerco su Amazon il peso del mio modello di ferro da stiro, 1.2 Kg. Dopodiché controllo la temperatura della stanza (22.4°C), prendo online la densità e il calore specifico dell'acciaio nonché il valore del coefficiente di scambio termico.

Per finire rispolvero l'equazione del calore considerando la piastra in regime variabile e integro in dt.

Ottengo due risultati: 7899 secondi 1

...e stirare fa male.

1 No, non ti lascerò nel dubbio: è il tempo necessario affinché il ferro da stiro "si freddi"

domenica 16 aprile 2017

Guida su come creare questo avendo solo quello

Ebbene sì, questa mattina sono incappato in una delle sue guide.
E sappiamo tutti come sarebbe il mondo senza di lui.

Credits: Metro 2033


Ma più che una guida mi è sembrato un lungo monologo, e mi è sorto il dubbio se non fosse bastato un semplice link al tool che cercavo.



GUIDA SU COME CREARE QUESTO AVENDO SOLO QUELLO

Hai la necessità di creare questo con il tuo vecchio pc (rotto) avendo solo quello?
Mi chiedi in che modo? Beh, semplice:
Siediti.
Se non hai una sedia su cui sederti, esci e comprane una.
Per dirla in altri termini, prima ancora di cominciare a creare quello che ci siamo prefissati di creare io e te, devi avere una sedia, una scrivania e un computer con requisiti minimi: mouse, schermo, tastiera. Per cui se sei davvero interessato a scoprirne di più, ti suggerisco di non perdere ulteriore tempo prezioso, di sederti davanti al tuo vecchio pc (rotto) e di dedicare qualche minuto del tuo tempo prezioso alla lettura di questa guida. Sono abbastanza certo che alla fine di questa lettura potrai dirti soddisfatto, scommettiamo?

Come potrai facilmente intuire, una volta accertato che la tua sedia abbia i requisiti minimi per farti leggere questa guida, dovrai aprire il tuo vecchio pc (rotto) e inserire la pendrive. Se non sai cos'è una pendrive, segui la mia guida qui oppure qui. Ne ho parlato anche qui. Qui invece trovi un mio doumentario andato in onda alla fiera dell'USB.

Tieni presente che per poter installare il software che ci prefiggiamo di installare devi essere seduto e col tuo hard disk abbastanza vuoto. Se non sai cos'è un hard disk segui la mia guida qui. Se non sai cos'è il vuoto ne ho parlato qui. A questo punto ti chiederai, ma a cosa serve il software se ho la pennina USB? Domanda lecita, ma sarebbe come chiedermi perché ho fatto questa guida se dovevo solo rispondere a una domanda.

Ma procediamo. Effettuati tutti i passaggi che ti ho appena descritto, vai a questo link e scarica il programma gratuito della Microsoft fatto a posta per fare questo avendo solo quello. Come dici? Non hai la connessione? Se non sei collegato a internet segui la mia guida sui migliori provider italiani, ma se stai leggendo questa guida mi sorge il dubbio di come tu abbia fatto a trovarla.

Adesso riavvia il tuo vecchio pc (rotto) e vai nel BIOS. Se non sai cos'è il BIOS segui la mia guida su come entrare nel BIOS e poi premi F10 quattro volte. Adesso stacca la pennina USB.

Riattaccala.
E il gioco è fatto.