domenica 30 luglio 2017

Il Faretto

"Vedrai con questi faretti andrà benissimo."
"Sì ma quello che volevo sapere è la potenza delle lampadine."
"Queste sono le più potenti in commercio per questo genere di faretti, vedrai che luce ti faranno in bagno! Dovrai avvisare la torre di controllo quando vai a pisciare."
"Va bene dai, ne prendo due."
Il mio ferramenta di fiducia poggia i due faretti da esposizione sotto il bancone e ne prende altri due da incartare, sempre sotto il bancone.
Torno a casa, scarto il pacchetto, monto i faretti tutto felice e accendo la luce manco fosse l'albero di natale.

Il Nulla. Buio pesto.
I faretti sono bellissimi, ma non hanno le lampadine.


domenica 23 luglio 2017

FERRAMENTA story

Garbatella, entro in un ferramenta per dei semplici bulloni da tenda. Cinque porte d'ingresso, passo dall'unica aperta. Mi guardano in modo strano. Io faccio buongiorno, avrei bisogno di tiranti da 12 con testa esagonale per favore.

"Cosa?"
"Dei tiranti per fissare la molla della tenda da balcone."
"Ah no..."
"Dei bulloni insomma, quelli con stop da 12."
"No non abbiamo bulloni qua"
"Ah." Forse ho sbagliato fruttivendolo penso. "Va bene la ringrazio, buongiorno." Ma non ricevo risposta, solo rassegnazione.

Entro in un ferramenta di Boccea. Questa volta mi porto la foto della vite a croce che voglio sostituire col bullone.
"Ecco guardi, me ne servirebbe una della stessa lunghezza ma più larga e con testa esagonale"
"Un bullone?"
"Esatto!" Sembrava uno sketch di Trivial Pursuit.
"Non ne abbiamo mi dispiace" E tira fuori dal cassetto una vite a croce identica a quella della foto.
"Abbiamo solo questa."
"Ma è la stessa che ho io..."
"Eh allora niente."

Torrevecchia, dietro casa. Ripeto la manfrina e questa volta mi porto il cadavere della vite a croce avvolta in un panno. Le tolgo lentamente le bende col commesso del ferramenta che guarda curioso da vicino. Lo sento quasi pensare mio dio che ci sarà là dentro, un lingottino?
"Ecco qua!"
"Oh ma certo..." Fa il commesso un pò deluso. "Dimensione 12 le va bene?"


Morale della storia: ferramenta e buoi dei paesi tuoi



domenica 9 luglio 2017

La nebbia dell'informatico

Giunto finalmente il weekend, il Ragionier Oliva poté rilassarsi al sole di una bellissima e poco frequentata località balneare laziale.
Arrivato in spiaggia con berretto fotorepellente, olio di foca protezione 100, ombrellone a due piazze e mezzo e frigorifero ambulante alimentato a carbone, la spiaggia venne misteriosamente inglobata nella famigerata nebbia dell'informatico. Evento rarissimo che di solito si verifica là dove c'è un informatico, uno stagno e una temperatura prossima allo zero, la nebbia in questione ebbe luogo alle ore 13 in punto con 39 gradi all'ombra e in piena stagione estiva.
Alché, scambiato per un venditore di grattachecca e ricevuti improperi dai bagnanti per la mancanza di cocco nel suo frigorifero, il Ragionier Oliva s'improvvisò spalmatore di olio di foca per la modica cifra di 1 euro a spalmata.




sabato 8 luglio 2017

Mille di queste ramazze

"All'uomo che ha voglia di fare, Dio concede mille di queste vite." Disse il Potente Zufar, Re del Khan. Poi mi passò la scopa.
"Ma sire!" Lo redarguii. "Io non sono degno di vestire questi abiti da schiavo, né mi si addice questo scopettone color cacca di lama." E gli tornai la ramazza. "Che vita ha in serbo Dio per chi si rifiuta di fare?"
Il Venerabile sorrise mostrando tutte le sue rughe e già sapevo che la sua risposta sarebbe stata peggio di mille terrazze da pulire.
"Sempre mille vite caro Majjhi, ma nessuna di queste sarà ricordata."


lunedì 3 luglio 2017

Omaggio a un genio del cinema

Ore 6.35

Il Ragionier Oliva approfittava della fresca temperatura di 27 gradi all'ombra di un condizionatore per uscire in strada e fare la sua mezza maratona mattutina.

Dopo 1500 metri e due ambulanze passate a sfregio con tanto di pernacchia, il ragioniere si accasciava all'ombra dell'unico fico d'india presente a Roma. Poggiandovisi di spalle.
Quando financo un simpatico cagnolino gli venne in soccorso scodinzolando felice e scegliendolo come nuovo paletto per marcare il territorio, il ragioniere mosso da un ultimo impeto d'amor proprio, ripiegò mestamente verso casa.

COLAZIONE del CAMPIONE 
Per smaltire le 52 calorie e mezzo perse, il ragioniere dissurgelò il frittatone di cipolle della sera prima, accompagnandolo con salsa di peperoni ripieni e una familiare di Coca Zero.

Caffé, barba, bidet, e via di cartellino.



sabato 6 maggio 2017

Cose impossibili: come stirare 5 camicie e non impazzire



Stanco e ormai giunto alla quinta camicia da stirare mi fermo, stacco la presa e rifletto. Poi prendo il mio misuratore laser di temperatura e rilevo 161.2 °C sulla parte centrale della piastra. Alché prendo il metro e rilevo le misure della superficie della piastra facendo attenzione a non bruciarmi. Poso il metro e prendo un pezzo di carta, una penna e una calcolatrice. Mi calcolo l'area approssimativa della piastra (0.0123 metri quadrati) e cerco su Amazon il peso del mio modello di ferro da stiro, 1.2 Kg. Dopodiché controllo la temperatura della stanza (22.4°C), prendo online la densità e il calore specifico dell'acciaio nonché il valore del coefficiente di scambio termico.

Per finire rispolvero l'equazione del calore considerando la piastra in regime variabile e integro in dt.

Ottengo due risultati: 7899 secondi 1

...e stirare fa male.

1 No, non ti lascerò nel dubbio: è il tempo necessario affinché il ferro da stiro "si freddi"

domenica 16 aprile 2017

Guida su come creare questo avendo solo quello

Ebbene sì, questa mattina sono incappato in una delle sue guide.
E sappiamo tutti come sarebbe il mondo senza di lui.

Credits: Metro 2033


Ma più che una guida mi è sembrato un lungo monologo, e mi è sorto il dubbio se non fosse bastato un semplice link al tool che cercavo.



GUIDA SU COME CREARE QUESTO AVENDO SOLO QUELLO

Hai la necessità di creare questo con il tuo vecchio pc (rotto) avendo solo quello?
Mi chiedi in che modo? Beh, semplice:
Siediti.
Se non hai una sedia su cui sederti, esci e comprane una.
Per dirla in altri termini, prima ancora di cominciare a creare quello che ci siamo prefissati di creare io e te, devi avere una sedia, una scrivania e un computer con requisiti minimi: mouse, schermo, tastiera. Per cui se sei davvero interessato a scoprirne di più, ti suggerisco di non perdere ulteriore tempo prezioso, di sederti davanti al tuo vecchio pc (rotto) e di dedicare qualche minuto del tuo tempo prezioso alla lettura di questa guida. Sono abbastanza certo che alla fine di questa lettura potrai dirti soddisfatto, scommettiamo?

Come potrai facilmente intuire, una volta accertato che la tua sedia abbia i requisiti minimi per farti leggere questa guida, dovrai aprire il tuo vecchio pc (rotto) e inserire la pendrive. Se non sai cos'è una pendrive, segui la mia guida qui oppure qui. Ne ho parlato anche qui. Qui invece trovi un mio doumentario andato in onda alla fiera dell'USB.

Tieni presente che per poter installare il software che ci prefiggiamo di installare devi essere seduto e col tuo hard disk abbastanza vuoto. Se non sai cos'è un hard disk segui la mia guida qui. Se non sai cos'è il vuoto ne ho parlato qui. A questo punto ti chiederai, ma a cosa serve il software se ho la pennina USB? Domanda lecita, ma sarebbe come chiedermi perché ho fatto questa guida se dovevo solo rispondere a una domanda.

Ma procediamo. Effettuati tutti i passaggi che ti ho appena descritto, vai a questo link e scarica il programma gratuito della Microsoft fatto a posta per fare questo avendo solo quello. Come dici? Non hai la connessione? Se non sei collegato a internet segui la mia guida sui migliori provider italiani, ma se stai leggendo questa guida mi sorge il dubbio di come tu abbia fatto a trovarla.

Adesso riavvia il tuo vecchio pc (rotto) e vai nel BIOS. Se non sai cos'è il BIOS segui la mia guida su come entrare nel BIOS e poi premi F10 quattro volte. Adesso stacca la pennina USB.

Riattaccala.
E il gioco è fatto.


venerdì 14 aprile 2017

Bimbo morso dal topo, la mia lettera al sindaco di Roma

Gentile Direttore, che sono io,
ringrazio lei in primis, poi il Ministro Lorenzin nonché il sindaco Raggi per questo spazio che mi è stato gentilmente concesso sul mio stesso blog, col solo fine di riflettere sul penoso stato in cui versa la città di Roma.





Ospedale San Camillo - reparto ostetricia



La Raggi ci ricorda che il morso di un topo in un parco pubblico è un evento eccezionale, ma oggi di eccezionale ci vedo solo che quel bambino fosse vaccinato con l'esavalente. E' chiaro che per governare e manutenere una città, oltre a necessitare di una buona organizzazione, si richiede anche del vile denaro. Denaro che non fatichiamo a credere possa mancare nelle casse della Capitale, ma che fatichiamo invece a credere che un sindaco non sia in grado di trovare. Chiedere dei soldi al Governo è un conto, elemosinarli è un'altra cosa e non è una tattica vincente, soprattutto se il partito del sindaco non è lo stesso di Palazzo Chigi. Lo abbiamo imparato col buon Marino dove il partito era persino lo stesso, non intendiamo scoprirlo ancora con lei. Pertanto la invitiamo, oltre che ad agevolare una vera rinascita della macchina comunale con idee nuove, partecipazione, trasparenza e velocità, a farsi carico anche lei di invitare, mostrare e invogliare lungimiranti finanziatori italiani e stranieri che capiscano quanto investire nel patrimonio pubblico e sociale di questa città possa essere davvero remunerativo. E non mi riferisco certo al crimine cui siamo tristemente abituati, anche perché lo sanno tutti che il crimine non paga.

Da cittadino di Roma, sentir parlare sempre di fondi speciali per questa città, suffragandolo per giunta dal fatto che così avverrebbe in tutte le Capitali d'Europa, mi fa sentire sia in difetto che sconfitto. In difetto perché qualcosa ha fallito a monte, sconfitto perché qualcosa continua a fallire a valle. Ma la condizione fallimentare in cui versa la città non può essere sempre imputabile all'economia né deve essere per lei sindaco, una scusa per demandare altrove le proprie responsabilità. La verità è che qui si è alla deriva per colpa di un senso civico che non esiste più. E non ci si aspetta certo che questo possa nascere spontaneo dalle persone, nemmeno fosse un fior di loto cresciuto in mezzo al fango. Questa città necessita di dosi massicce di quell'unico vaccino che la rimetterebbe in piedi, la civiltà. Termine che già comprende quello tanto blasonato del suo partito. Pertanto, dice bene il ministro Lorenzin, che non ci si aspetta certo che in un anno siano risolti problemi cronici come traffico o bilancio, ma che siano almeno sanate le condizioni base per ricominciare di nuovo a parlare della 'cosa pubblica'. Quando le regole ci sono ma non vengono rispettate, è come se non ci fossero, a maggior ragione se non vengono applicate le sanzioni da parte del Comune. E quando le regole non ci sono, regna il più forte, poi il più furbo e per finire il caos. Allora è lecito uscire di casa e trovare materassi, oli combusti, sedie, frigoriferi e mobilia d'ogni genere, è lecito camminare per le strade del centro e vedere questo scempio

                 

E' lecito pensare che il nostro prossimo ci fregherà, o non ci chiederà scusa, non ci dirà buongiorno o buonasera o che la maestra dei nostri figli tema di fare il suo lavoro per non rischiare di prenderle da un genitore fuori di testa. E' lecito tutto, dalla sessantenne che lascia il SUV in curva e contromano al vituperato scontrino, che quando lo chiedi ti sembra di fare una rapina a mano armata. Stessa cosa per un servizio comunale che ricevi poco e male per motivi che meriterebbero un trattato di sociologia.

Lei sindaco, chiede al Ministro della Salute di fare una battaglia per Roma all'interno del Consiglio dei Ministri, ma oltre ad essere una richiesta ingenua, tendo a credere sia anche un tantino pretestuosa, sia per Luca, 6:41 che per quella storia delle responsabilità. Smettiamo allora di scaricare il nostro dovere altrove, perché nessuno la giudicherà per le parole della Lorenzin, ma per i fatti che la sua amministrazione compierà, questo sì. E allora, se la città che ha portato la cultura nel mondo non è capace di portarla ai suoi stessi cittadini, i topi che mordono un bambino mi sembra la caricatura perfetta che questi tempi nefasti dipingono per delineare la sagoma del cittadino di Roma, costretto ormai a mordere per sopravvivere.

E lei è il primo cittadino.


Mother Of All Bufale



Secondo me la minaccia nordcoreana sarà un epic fail che passerà alla storia, Kim chiederà mestamente asilo agli americani con detenzione di lusso a Santa Barbara e carnet di biglietti per Disney World, l'indice di gradimento di Trump schizzerà oltre l'80% Putin se la legherà al dito e la Cina farà pippa con un miniembargo boomerang che toglierà dopo qualche settimana.

Adesso è il momento giusto per comprare titoli americani, ma sentiamo prima il discorso che Trump terrà il mese prossimo: "Il popolo americano mi ha eletto con un solo desiderio, far tornare grande l'America. E abbiamo dato seguito alle sue richieste facendo in sei mesi quello che non è stato fatto in sei mandati! Gli amici nordcoreani adesso sono liberi di eleggere il loro Presidente. 

God bless America!"


venerdì 7 aprile 2017

Il team della Ferrari



Lavori cancello elettrico condominiale, tutto procede come da copione che nemmeno il team della Ferrari. Scendo ore 17, mi congratulo con gli operai, stringo mani, pacche sulle spalle e consegna chiavi da parte dell'elettricista. "Lavoro eccezionale ragazzi, bravi! Cancelli così nemmeno a Moria li fanno più!" Vabbé, la battuta la capisco solo io, poi concludo. "E adesso ditemi come funziona."

Il Project Manager, tale Rocco il Geometra, prende uno dei tre telecomandi e lo punta con ghigno beffardo verso il basculante. Ma il basculante rimane fermo. Lui spinge ancora il pulsante, poi ancora e ancora. Ma niente, immobile. L'imbarazzo è nell'aria.
"Cazzo è successo?" Chiede Rocco fulminando l'elettricista. Poi controlla l'altro telecomando, fa smontare la scatola del motore, esaminano i fusibili, staccano e riattaccano la scheda. Ma niente.
"Non capisco, fa il project engineer più anziano."
"Forse è saltata la corrente?" Chiedo io timidamente sentendomi ormai parte del team.
Mi guardano torvi. Poi in due vanno al quadro delle scale. Li sento parlare in elettricistico. "Maj'hai fatto er bifase? Né che quanno j'hai riattaccato sosemo giocato?"
Ricontrollano la scatola di derivazione. Tutto sembra regolare. Fino a quando, timidamente, subentra il senior analist a gamba tesa.

"Ma non sarà che l'abbiamo lasciato in modalità manuale?"

giovedì 6 aprile 2017

Come funzionano le cose nel mio condominio



Riunione di condominio, presente la maggioranza.

Parola al Presidente. "Allora il lavoro di 400 euro che ci aveva preventivato Ascanio (un condomino) non si riesce a fare perché Ascanio non ha tempo, vogliamo procedere con altri preventivi?"
"Io conosco un ottimo elettricista." Esordisce l'amministratore. "Ha fatto diversi lavori nel palazzo che ho preso di recente e sicuramente ci farà meno di 400 euro."
"Ottimo." Fa il Presidente, cioé io. "Ricordati però che abbiamo avuto pessime esperienze con l'elettricista precedente che se n'è approfittato veramente troppo." Faccio vedere somma dei tre banali interventi per un totale di 650 euro. 
La giuria approva. 
Il giudice stesso scuote la testa.

"Stai tranquillo Albé."

Morale della storia. 
Preventivo di 550 €. "Abbiamo sottostimato i cavi Albé!"
Dieci ore di lavoro. Fattura finale di 695.19 € "Abbiamo sottostimato le ore Albé!"

Qui l'unica cosa che abbiamo sottostimato è l'intelligenza dell'elettricista!


Nel profondo del Paese



Un pò come quando fai il trolley dopo alcune settimane di quella politica che non ti tocca, vuoi perché politica degli snob, vuoi perché sprezzante di quel popolo che a conti fatti è il solo a poterti eleggere. E allora cosa fai? Lasci gli snob e raggiungi il popolo girando l'Italia, quasi fosse paragonabile al mestiere di operaio o di cassaintegrato. Ma non la giri come farebbe un normale italiano, la giri come farebbe un normale politico a caccia di voti, trolley alla mano, magari non di marca, da solo e cominciando dai luoghi più profondi, 'nel profondo del Paese'. 

Certo se sono profondi, magari ispirano anche pensieri profondi. Poi se c'è un Padre di mezzo meglio ancora. Il profondo degrado da cui risorgere e insieme andare votare.

Trolley alla mano.



Il Motel con gli scarafaggi



Hotel a nord di Milano vicino l'autostrada.
Faccio il numero della Reception.

"Qui Reception, dica pure sono Paolo."
"Buonasera Paolo, senta è da quando sono entrato che c'è un rumore come di acqua nei tubi del riscaldamento, o aria condizionata non so, solo che questa è spenta e non capisco da dove venga. E' un rumore continuo e piuttosto fastidioso. Non è che magari può far venire qualcuno a controllare o cambiarmi direttamente di stanza?"
"Guardi, non abbiamo notizie dei rumori che lei mi sta dicendo, è la prima persona che ce li segnala."
"E dunque?"
"E niente, non capisco a cosa si riferisce."
"Ma parla sul serio? Si rende conto di cosa mi sta dicendo?"
"Signore io qui sono solo un receptionista e non posso lasciare la postazione."
"Infatti le ho appena detto di mandare qualcun....vabbé lasci perdere, potete cambiarmi stanza?"
"L'hotel è al completo, ma se vuole c'è qualche stanza libera nel... Motel."
"Quello con le foto di scarafaggi su Tripadvisor? No grazie. E lo faccia quest'esame di abilitazione alla professione di Receptionist, potrebbe scoprire cose molto interessanti!"
"Sulla professione di Receptionist?"

"No, su di lei !!"

mercoledì 5 aprile 2017

La globalizzazione



Mi chiama Maurizio dalla Germania con un forte accento di Calcutta.
Mi chiede se possiamo parlare in francese, alché gli dico mais oui, il n'ya pas problem, ma lui continua a parlare in inglese. Mi dice che ha un lavoro per me in Belgio, per conto di una società di Budapest.
"Iz a big opportunity for u Mr.Oliva! Very long term project!"
"Sì Maurì, ma long term quanto?" (considerate che il mio idraulico di fiducia si chiama Maurizio e che giusto ieri ha finito di montare un rubinetto condominiale)
"Ohhh maybe six months Mr.Oliva! It depends."
"Yes but depends on what?"

"On you Mr.Oliva."

martedì 4 aprile 2017

Codice 229474839



Non ho nulla contro i call center stranieri anzi, stanno migliorando di giorno in giorno e aiutano ad avvicinare all'Europa quelle nazioni borderline che da sole farebbero molta più fatica. Ma a volte la riuscita è comica.

Chiamo il numero verde del servizio dedicato ai soli clienti Gold Super Senior Executive.
"Buongiorno da <operatore telefonico> grazie per aver chiamato il nostro servizio, io sono Manuela, codice 229474839 e rispondo da <non in italia> come posso aiutarla signor Oliva?" Praticamente un monologo.
"Buongiorno Manuela, dunque ho questo problema col telefonino e mi è già capitato quattro mesi fa, potrebbe abilitarmi nuovamente al servizo <tal dei tali>?"
"Eh ma suo problema è risolvibile soltanto da suo telefonino. Io non posso fare nulla da qua."
Certo Manuela certo. "Guardi è la stessa cosa che mi è successa prima di Natale. Me l'avete risolto in due minuti."
"Si signor Oliva ma io qui vedo tutto regolare. Ha acceso suo telefonino?"
Respiro profondo. "Sì ho acceso il mio telefonino certo, altrimenti questa conversazione non starebbe avvenendo. Però quello che le volevo dire..."
"Lei ha fatto solita procedura?"
"Solita procedura? Che procedura devo fare? E' un servizio."
"Procedura per abilitazione."
Respiro profondo. Pensa ai Caraibi, pensa ai Caraibi. "Senta Manuela, faccia così. Se cerca l'ultima volta che ho chiamato e vede la risoluzione che ha fatto il suo collega (italiano), sono certo che facendo la stessa cosa mi risolverà magicamente il problema."
"Certo, io posso cercare signor Oliva, ma dico che questa è cosa che può risolvere solo da suo telefonino. Però cerco non c'è problema."
Respiro profondo. Pensiero di brezza marina sul viso. Segno della croce. Mi giro istintivamente verso La Mecca.
"Fatto."
"Oooh bene! Che dice?"
"Mio collega disabilitato e riabilitato di nuovo." Alla faccia del know-how.
"Bene, faccia lo stesso! (la prego)"
"Io faccio. Si ricordi che non potrà navigare in internet per trenta minuti e che bisogna di riavviare telefonino bla bla bla..." Un secondo monologo insomma.

Morale della storia.
Non posso navigare da stamattina.
Non sono più cliente Gold Super Senior Executive.
Sono il linea da mezz'ora con Roberta (da Napoli), per farmi riabilitare il tutto.

Codice 22956743439.



Come fare utile dai biglietti del treno non rimborsabili

Uno dei problemi per chi compra biglietti ferroviari non rimborsabili è la loro rivendibilità. Se per qualche motivo infatti non si riuscisse a fare il viaggio e si vorrebbe rientrare di almeno una parte della spesa, questo non è possibile. La rivendibilità è chiaramente problematica vista la natura del biglietto, scontato, non cedibile e non rivendibile. E allora il rischio è quello di andare incontro a sanzioni, o di incorrere in truffe, soprattutto con i biglietti digitali.

Secondo i dati ISTAT del 2015 il numero di passeggeri trasportati sulla rete ferroviaria italiana ammonta a circa 826.5 mln se consideriamo solamente il trasporto nazionale e a circa 829 mln se aggiungiamo anche le tratte internazionali.

Ora, pensiamo a una diversa politica di gestione di questi biglietti non rimborsabili: ipotizziamo ad esempio che i biglietti che danno diritto a un posto a sedere siano circa la metà e che il costo medio di uno di questi biglietti low cost sia di circa 25€ (variabile A). Ipotizziamo inoltre che il sito stesso di Trenitalia (o NTV) rimettesse in vendita sul proprio sito i biglietti non rimborsabili dietro richiesta del primo acquirente e che solo qualora si trovasse un secondo acquirente per questo biglietto, rimborsasse a sua volta una percentuale B del valore di A il primo acquirente. Infine aggiungiamo come percentuale di passeggeri che non possono più effettuare un viaggio con biglietto rimborsabile e un costo C necessario a modificare i sistemi software per adattarsi a questo nuovo processo informativo.

Questi sono i risultati:


Parliamo dunque di circa 100 milioni di euro in più all'anno per Trenitalia e 30 milioni di euro per NTV nel caso medio. Sono cifre piuttosto interessanti considerando che il numero di passeggeri dal 2004 al 2015 è quasi raddoppiato. Con una domanda come quella di oggi non dovrebbe essere dunque difficile "ripiazzare" il biglietto (ho considerato infatti una rivendibilità del 100%). Tuttavia con una rivendibilità dell'80% il risultato si attesta attorno ai 97 milioni di euro per Trenitalia e 27 milioni di euro per NTV






Insomma, l'opzione di rivendere un biglietto "non rimborsabile" (anche se a questo punto dovremmo chiamarlo low cost e basta) alla stessa cifra e da parte dello stesso operatore, rimborsando la metà del prezzo al primo acquirente, sembra un affare interessante sia per il cliente che per la società. Soprattutto se andiamo a considerare uno scenario simile:


domenica 2 aprile 2017

L'agenda perfetta, le 22 qualità nascoste che ogni agenda dovrebbe avere

Nell'era del digitale, del coprifuoco analogico e del bando alla carta stampata, sto valutando l'acquisto di un'agenda giornaliera. Sì, di quelle che si sfogliano. Per coerenza la mia ricerca di mercato è partita dal web. Ho provato alcune agende digitali, ma il profumo dello schermo del telefonino non mi ha soddisfatto, così ho dato il via a uno studio di fattibilità in prospettiva del valore aggiunto cercato. Ho contatto alcuni fornitori e ho scoperto che di questi tempi lo sconto sulle agende può arrivare anche al 50% . Ho chiesto garanzie in diverse cartolerie di Roma, ho letto riviste specializzate e mi sono visto un documentario su come viene fatta la carta di queste agendine.

Poi è venuto il grande giorno; me ne hanno data una in prova.
"Sappia che nel caso ci scriva sopra anche solo una lettera le costerà 4.50 € per il resto può usarla quanto vuole. Dentro al negozio."


E dopo averla usata dentro e fuori al negozio, posso finalmente elencare le qualità dell'agenda giornaliera perfetta:
  1. ogni giorno deve corrispondere a una pagina intera, cos'è questa storia che il sabato e la domenica sono raggruppati in un'unica pagina? Mica sto cercando un'agenda per il lavoro anzi, il sabato e la domenica è proprio quando facciamo qualcosa di interessante. Non voglio mica scrivere "Sole al mattino. Pioggia al Pomeriggio. Nonna caduta ore 18. Visto film <manca spazio>"
  2. le pagine devono essere bianche o al limite giallo chiaro, nessun colore pimpante o ghirighori fosforescente è ben accetto, vi stancherà gli occhi e prima di Febbraio non la userete più
  3. devono esserci le righe, niente quadrucci che distolgono l'attenzione e niente fogli bianchi, siete agendisti mica pittori
  4. la carta dev'essere come la vostra cultura, di un certo spessore
  5. devono esserci i santi, che agendina sarebbe senza santi? Facebook è nato con lo scopo di ricordarci i compleanni, le agendine sono nate per ricordarci gli onomastici. Ad ognuno il proprio mestiere
  6. ogni pagina, ovvero ogni giorno, deve riportare la sua cardinalità. Non esiste che non sappiamo quanti giorni sono passati dall'inizio dell'anno e non fatevi infinocchiare con le agendine da quattro soldi: tutte le pagine devono avere anche il numero di giorni mancanti fino alla fine dell'anno!!
  7. festività nel mondo, non vorrete mica andare in vacanza in Svezia quando è vacanza in Svezia vero?
  8. fattori di conversione
  9. la mitica tabella delle distanze tra città
  10. le date da ricordare
  11. prefissi internazionali
  12. numeri telefonici per emergenze
  13. targhe auto e relativo CAP
  14. il colore, in base a una delibera della Comunità Europea questo può essere grigio, blu, viola, bianco, marrone scuro e marrone chiaro, tutti gli altri sono fuorilegge
  15. il peso deve oscillare tra 150/250 grammi
  16. l'agenda deve avere l'elastico
  17. un segnalibro in cotone
  18. una pagina dei dati personali
  19. ogni giorno deve avere le condizioni meteo da poter barrare
  20. nonché fasi lunari, alba e tramonto
  21. segno zodiacale
  22. time zone mondiale
Le dimensioni ideali dell'agendina dovrebbero andare dai 9/10 cm per la larghezza ai 14/15 cm per la lunghezza. L'altezza invece deve attestarsi attorno ai 2 cm. La copertina dev'essere rigida, ma senza spigoli.

Quando troverete un'agendina così, fatemi un fischio, io intanto ho ordinato la mia seconda agendina (il problema del sabato e della domenica mi ha fatto venire dei leggeri attacchi di panico).

Agenda Moleskine


sabato 1 aprile 2017

Il Nirvana nella metro


Ci hanno sempre decantato la straordinaria intelligenza degli indiani, soprattutto in ambito informatico. Tuttavia, nella mia esperienza lavorativa, di quest'intelligenza non è che vi sia molta traccia.


Il primo indiano con cui ho lavorato dormiva sul posto di lavoro. E non in senso lato. Magari era intelligente chissà. Ma di fatto dormiva, per non parlare di quando lo faceva dopo pranzo. Lì russava proprio. Il secondo indiano sorrideva sempre. Ma non andava oltre questa difficile mansione. Era molto bravo a sorridere e sapeva farlo quasi in tutte le occasioni, cordogli compresi, ma il suo know-how si fermava là. Il terzo indiano era un manager e il suo leit motif era "No questo non si può fare" o meglio, "No! Izimpossbl, ui-cannot-dudé!". E puntualmente, nel giro di una mezz'ora scoprivamo che la cosa era più che fattibile. Il quarto indiano si puliva i piedi durante le riunioni. Il quinto era una donna, ma non abbiamo mai capito cosa facesse di mestiere né quale fosse il suo ruolo nell'azienda. Però partecipava a tutte le riunioni in qualità di specialista.

Il penultimo indiano è l'eccezione, felicemente trapiantato in America, ha sempre capito quello che intendevo dire. Certo, anche lui aveva qualche problemino col tenersi le scarpe ai piedi, ma almeno la pedicure se la faceva a casa.

Siddharta Gautama


E poi c'è lui, l'indianello della metro. Anzi, del vagone. Treno in corsa, prossimo alla fermata per la stazione Centrale, ore 18.30. L'indianello è in piedi, come tanta altra gente a quell'ora. Il vagone rallenta e si ferma. La banchina è sulla sinistra, pertanto si aprono solo le porte di sinistra. Osservo il vagone svuotarsi lentamente e lui procedere in direzione totalmente opposta, sul lato destro del convoglio. Tutto trafelato comincia a premere il bottone per aprire la porta, ma quella porta dà su un muro. Ed è parecchio evidente, non ci sono graffiti sui vetri, né passaggi dimensionali. Un muro insomma. Ma io sono abbastanza certo che l'indianello vedesse oltre la realtà cui siamo abituati noi mortali. Probabilmente era un bodhisattva o un Jivanmukta in ferie a Milano. Sono certo che la convinzione con cui ha cliccato un migliaio di volte quel bottone era indice di un essere superiore. Noi tutti vedevamo un muro, lui ci vedeva il Nirvana. Quando a un tratto si rende conto d'aver sbagliato lato, si gira e sorride alle porte ancora aperte sul lato sinistro. Fa per lanciarsi quando queste si richiudono impedendogli di scendere dal vagone.
L'indianello si spalma sul vetro e la metro riparte.
Mi si è stretto il cuore.


p.s.
vorrei menzionare alcuni degli indiani illustri di cui ho letto libri o biografie, magari la loro storia potrebbe interessare anche voi: Jiddu Krishnamurti, Srinivasa Ramanujan, Sri Yukteswar, Nisargadatta e Ramana Maharshi



Dramma Express



Dramma in un solo atto, scena prima e ultima: entro alla Feltrinelli per trovare qualcosa di interessante, innovativo, che stimoli le mie prossime ore. Passo in rassegna praticamente tutti i reparti... politica, economia, marketing, scienze, scienze alternative, diritto tributario, condominio fai da te, psicologia del se (senza accento), compendio di statistica, tedesco in 4 giorni, pranayama, chakra e saggio sui sette tipo d'uomo, breve storia del pi greco, breve storia di Arduino e breve storia del Management, 101 racconti Zen, 15 scoperte matematiche, 10 modi di dormire, Osho e De Chirico. Ma nulla sfiora il mio interesse. Passo al reparto giocattoli. Già andiamo meglio. Ma non concretizzo. Passo alla sezione Moleskine, poi quella sulle tazze e termino sciattamente su Settimana Enigmistica e fumetti.

Tutto vano.
Esco dalla Feltrinelli in silenzio.


mercoledì 29 marzo 2017

Assemblea di condominio, tutta la cronaca minuto per minuto



Un esiguo numero di condomini affrontava il viaggio verso lo studio dell'Amministratore muniti di soli 45 euro in tre, due biglietti dell'autobus, 4 graffette, 18 fotocopie e millesimi insufficienti per poter deliberare anche solo la richiesta di un bicchier d'acqua. Deleghe comprese.


Alle ore 19.50 i tre millesimi insufficienti si fermavano a mangiare un pezzo di pizza da "Gigi Pizza al mattone". Ancora in tempo per deliberare una ritirata proseguivano pizza alla mano verso lo studio dell'Amministratore.

"Ah avete portato la pizza!" Esclamava alle 20.11 l'esimio Amministratore. "Non dovevate grazie, ma accetto molto volentieri!"

Terminati i 45 euro di pizza al taglio alle ore 20.24 si procedeva al conteggio dei millesimi con delega a sorpresa rimasta nel portafogli del condomino Oliva.

"Bene, con 501.4 millesimi, sufficienti per deliberare non proprio tutto, apriamo la seduta."
Presidente Oliva, pizza rossa e segretario Messina, pizza funghi e zucchine.

Alle ore 20.51 l'assemblea approva all'unanimità il punto 1, 2 e 3 all'ordine del giorno. Il punto 4, ovvero la parcella dello studio legale veniva discussa di fronte a un ottimo bicchier d'acqua del 2016 a temperatura ambiente. Il segretario faceva notare la perdita di gazzosità chiedendo l'intervento del Presidente.

"Ti passo la Ferrarelle Miro, non c'è problema."

Alle ore 21.32 sopraggiungeva trafelato il millesimo 561 chiedendo più volte venia per il ritardo.

"Scusate avevo ordinato una pizza, ma pare che avessero fatto un ordine da 45 euro. Che scherzi da imbecilli..."

Alle ore 21.42 veniva approvata la parcella dello studio legale con annessa nota a margine del millesimo 561 "Ah abbiamo uno studio legale?"

Alle ore 21.11 veniva approvato il preventivo della ditta Sali&Tabacchi per l'automazione del cancello con gli ultimi ritrovati della domotica giapponese. Alle ore 21.16 si collegava via Skype il millesimo 611, donna. Da qui in poi sono andate perse le trascrizioni di questa conversazione, nonché le numerose dimostrazioni del Presidente e gli assiomi del terzo condomino, detto Pizza ai frutti di mare, per mostrare al millesimo 611 lo studio di fattibilità dell'impermeabilizzazione del controsoffitto del vialetto principale.

Tutto vano.

Il millesimo donna chiedeva di mettere a verbale la congettura del vialetto, l'ipotesi non dimostrata del controsoffitto e la faziosità della ripartizione per i lavori di domotica di Sali&Tabacchi, invitando caldamente il Presidente ad espletare la facoltà di giudicare NULLA la suddetta assemblea.

Alle ore 22.41 la connessione Skype veniva inspiegabilmente a mancare facendo tornare l'assemblea al millesimo 561. Millesimo sufficiente per deliberare vialetto, controsoffitto, domotica e ripartizione di Fourier-Bernoulli-Oliva sui metri cubi d'acqua consumati durante l'anno.

Alle ore 22.45 la seduta è tolta. Presenti Pizza rossa, Pizza funghi e zucchine e Pizza ai frutti di mare, nonché il millesimo 561 che fa segnare una nota di chiusura:

"Ok andiamo a mangiare adesso?"

martedì 28 marzo 2017

Il mio albergo di fiducia

Dopo tre metropolitane e seicento pericolose ascelle pronte a rivelare il Libro di Giovanni (l'Apocalisse) giungo finalmente in albergo. Il mio albergo di fiducia, quello che ti ha visto nascere (sul lavoro). Quello dove puoi sentirti a casa e che ti ha fatto a posta una linea telefonica preferenziale con cornetta rossa.



"Ma ben arrivatoooo! E' un piacere riaverla ancora tra noi, come sta?"
"Bene Loredana grazie." Mento spudoratamente. Ho la gola secca, un forte mal di testa e i crampi ai polpacci per aver fatto l'equilibrista in metro pur di non toccare nulla.
"Si ritira già per la notte o esce a mangiare qualcosa?"
"No stasera passo. Ho dei cracker in camera. Ci vediamo domattina, buonanotte Loredana!"
Loredana sorride.
La mia concierge di fiducia.

"Buonanotte a lei signor Cordiani!!

lunedì 27 marzo 2017

Il Topo del Sottosuolo

Ordino vegano online e oltre al cibo mi arriva una lettera da parte di Anna, chiaramente una mia fan. Accidenti penso, sono molto famoso qui a Milano. Chissà se mi spedirà un mazzo di fiori quando domani ordinerò ancora hummus e cecine. Magari è già qua sotto che aspetta che io getti una maglietta dal balcone. Magari è con delle amiche, anche loro fan accanite del grande scrittore Alberto Oliva.

Penso se non sia il caso di noleggiare una limousine per andare a lavoro domani, magari la faccio fermare davanti a Tiffany, così... per fare colazione, e poi di corsa a Radio Dee Jay per salutare i miei colleghi via radio. Poi riguardo il messaggio:

"Complimenti per il topo del sottosuolo! Bellissimo <testo indecifrabile> Anna."

E giuro ma non capisco proprio a quale pezzo si riferisca. Non ho mai scritto nulla su topi, almeno che ricordi... forse li ho disegnati, forse. Insomma, guardo meglio il messaggio, cerco di decifrare l'ultima parola e finalmente ci riesco.... ADATTAMENTO !! Prendo il titolo del pezzo misterioso e lo cerco online...

tempo 4 secondi e disdico subito limousine e volo privato per un aperitivo a Zurigo.
Chiedo l'amicizia al mio omonimo e tapinamente gli consegno la lettera della fan.

Fottuta saponetta del successo!

p.s. un doveroso pensiero va all'omonimo di Isaac Newton, Roberto Bolle e Gesù di Nazareth


domenica 26 marzo 2017

Matteo Renzi risponde


Non seguo molto la Formula 1, anzi direi che non la seguo proprio. C'ho provato, ma il sonno ha sempre avuto la meglio, più o meno dal secondo giro in poi. Quando penso alle gare di Formula 1 mi viene in mente il sapore delle paste domenicali, e della ricotta di quel cannolo coi canditi a cui voglio imputare la maggior parte della mia sonnolenza. Ma feci un esperimento una volta; scelsi una Domenica senza Formula 1 e mangiai in egual misura. Conclusi il pasto col mio solito cannolino siciliano e annotai su un taccuino la reazione. Rimasi sveglio abbastanza a lungo da mangiare altre paste e tornare a studiare. Cosa ho imparato da questo esperimento? Che il nostro pasticcere di fiducia metteva pesanti dosi di sedativo soltanto nelle domeniche in cui c'era la Formula 1. Mio padre controllò i dati, lesse la storia del nostro pasticcere e disse che avevo ragione. E per festeggiare andammo a comprare delle paste.

Oggi leggo l'intervento pubblico di Renzi sulla sua pagina Facebook: si è alzato alle 5, che sarebbero le 4 vista l'ora legale, e ha gioito della vittoria di Vettel. Me lo immagino alzarsi di scatto in piedi, in pantofole tricolore e vestaglia garibaldina mentre sente l'inno di Mameli a basso volume per non svegliare Agnese. E' lì in salone, mentre sorseggia del buon caffé e con una mano si regge il cuore. Insomma, io a quell'ora credo d'aver spento da poco la luce del mio comodino ed essere piombato nel sonno più totale, ma lui no. Italiano fino al midollo. Lui lo ha fatto e ce lo vuole far sapere.

Ma è a questo punto che un accanito (un)supporter gli alza la palla per la schiacciata finale. E così, il buon Giovanni spara un luogo comune preso a caso dalla cesta dei luoghi comuni e attende che il social, Renzi compreso, lo trituri a dovere. E' solo questione di minuti.




venerdì 24 marzo 2017

Come prepararsi per una riunione condominiale

Credit by Palazzo Chigi

Innanzitutto sappiate che l'imprevisto è sempre dietro l'angolo e se oggi avete un inquilino dalla vostra parte, domani sarà il primo a farvi causa per quei petali di begonie che non sapevate nemmeno di avere e che inspiegabilmente tapperanno lo scolo dell'acqua del suo balcone allagandogli casa con le prime pioggie d'Aprile. Per ovviare poi l'annoso problema del luogo dove far confluire tutti gli astanti, è consigliabile recarsi a studio del vostro amministratore.
Se il vostro amministratore non ha uno studio, cambiatelo.

La mia checklist è pressappoco questa:
  • Fotocopie fatte, scansioni pure
  • Penna blu funzionante, penna nera operativa e pennina USB d'emergenza svuotata e decriptata
  • Scaletta degli argomenti imparata a memoria, dovesse andare persa quella della convocazione
  • Foglietto TORNO SUBITO per il posteggio della macchina stampato in duplice copia e con numero di telefono occultato per evitare ulteriori scherzi dei bambini in cortile
  • Frasi di circostanza, apertura e chiusura riunione pronti
  • Preventivi spillati e messi in ordine di importanza (la mia)
  • Diversivo da metà serata e ripasso della vita dei condomini (evitate gaffe sul "Come mai sei venuto al posto di tua sorella?" "E' morta") 
  • Ripasso di economia bancaria, gestione aziendale e project management (questo da farsi un paio di mesi prima della riunione) 
  • Ripasso di norme e tributi, diritto privato e diritto internazionale (questo nel solo caso abbiate dei rifugiati politici nel palazzo)
  • Memorizzazione dello stato patrimoniale e relativo conto economico dell'anno in corso (per questo in genere si ha poco tempo, dipende dalle letture dell'acqua e dalla data di convocazione dell'assemblea condominiale)
Mi raccomando poi, se non riuscite a fare il presidente fate almeno il segretario e se testimoniate non guardate mai in faccia l'imputato. Viceversa, se interrogate il teste fatelo mentre scrivete il verbale (non vi mentirà mai, funziona sempre).

E per finire la dieta. Non mangiate mai a ridosso di una riunione, e non aspettate di tornare a casa per cenare. Solo la riunione vi potrà dire quando mangiare e cosa mangiare. Io di solito me la cavo con una ventina di caramelle prese dal boccione della scrivania dell'amministratore.

La Storia delle Cose

Chi di noi non ha desiderato almeno una volta nella vita di conoscere la storia delle cose?

Beh c'è un'università in Italia, che nel corso di Ingegneria prende in prestito questa materia dalla facoltà di Architettura e la sviscera per bene. Pare che il corso voglia fornire "le nozioni relative al rapporto uomo/donna-oggetto" (e sì, la scelta dell'ordine delle parole poteva essere pensata meglio).

Ma veniamo ai dettagli del corso. Per prima cosa (!!) si studia... la cosa (sì, la cosa) e le cose (!!) nelle varie lingue e culture. C'è per esempio the thing che è molto differente da la cosa nostrana, per non parlare poi di the things. Dopo quesa prima disamina atta a specificare geograficamente l'utilizzo e la forma di una cosa piuttosto che di un'altra si passa alle cose nei miti e nelle forme narrative.

"Oh tu cosa che langui nell'ombra! Esci e chetati innanzi a codesto coso!"

Tratto dal coso là come si chiama... Poi si passa alla simbologia delle cose e hai voglia ad elencare cose e cosi che cosano. Per proseguire poi con la funzionalità delle cose in tutte le loro cose. E si studiano anche gli usi delle cose senza lasciare nulla al coso ehm, al caso.


Ma le cose lasciano anche metafore, ed è per questo che una sezione del corso è interamente dedicata a quest'ultime. Pensiamo ad esempio a Gesù quando disse:

"Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna agitata dal vento? E allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo avvolto in morbide vesti? Coloro che portano vesti sontuose e vivono nella lussuria stanno nei palazzi dei re. Allora, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, vi dico, e più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto:

Ecco io mando davanti a te il mio messaggero,
egli preparerà la via."

Con la storia delle cose riusciamo a valutare ed estrinsecare meglio la metafora che si nasconde dietro le sue parole:

"Che COSA siete andati a vedere nel deserto? Una COSA agitata dal vento? E allora, che COSA siete andati a vedere? Un COSO avvolto in morbide vesti? Coloro che portano COSE sontuose e vivono nella COSA stanno nei COSI dei re. Allora, che COSA siete andati a vedere? Un COSO? Sì, vi dico, e più che un COSO. Egli è colui del quale sta scritto:

Ecco io mando davanti a te il mio COSO,
egli preparerà la COSA."

Alché capite bene che il senso della metafora si fa meno recondito, pur rimanendo velato; stiamo certamente parlando del COSO e Gesù non lo nasconde. Non dobbiamo più cercare il senso occulto di via, profeta o messaggero. Sappiamo benissimo che qui si sta parlando del COSO che prepara la COSA! Magia delle cose nascoste..

E per terminare il corso sulle cose: la parte finale è dedicata alle utopie delle cose.
Quante volte abbiamo desiderato una cosa e non abbiamo potuta averla, molte altre volevamo più cose e ci siamo dovuti accontentare di una cosa sola.

"Se potessi avere 1000 cose al meseee.."

Strano che non abbiano messo una sezione sulla musica delle cose.

Chiudo questa cosa (...) con il remark finale: "Il focus del corso è incentrato sui colori delle cose." E immaginiamo tutti la complessità dell'argomento.




La Cosa - dal film I Fantastici 4

giovedì 23 marzo 2017

Le mistiche parole dell'avatar Adhavan



Mi scrive il famosissimo Adhavan, urca penso io il satguru del mio nobile maestro Zufar Khan II che nel 1657 venne da lui istruito sui profondi misteri dell'Universo e le mirabili possibilità dell'essere umano... cosa vorrà mai ho pensato, vorrà forse che erga per lui un pashram romano o che divenga il più potente jyotisha mai conosciuto sulla terra? E da dove mi starà scrivendo? E il nobilissimo Zufar sarà al corrente di tutto questo? Stanno forse bramando di svelare a pochi eletti i quattro arcani dei sette candelabri d'oro... alché decido subito di prendere dell'ottima mirra rimasta in frigo e accendere un pò d'incenso per creare la giusta atmosfera di devozione verso il mistico avatar di Adhavan, nonché guru del mio guru.

Mi siedo nella posizione del loto e proseguo la lettura col terzo occhio:

"Myself Adhavan and my team have been searching for a suitable CV on a job portal for a new project as SAP Consultant and found yours. I like to know your availability to take an interview with us. So, please address to this email to understand your professional fit with our available job opportunities and to fix a meeting within the month. The job location is in Paris and the contract is for six months."


A quel punto ho visto il cero spegnersi da solo e farmi i più distinti saluti prima di uscire dalla stanza. Le trombe dell'Apocalisse hanno fischiato stonate nell'aria e i quattro angeli giunti ad ascoltare le parole di Adhavan se ne sono andati insieme a vedere vecchie puntate di Masterchef.

domenica 19 marzo 2017

L'ansia legale

Ringrazio tutti gli allarmisti e complottisti dell'ora illegale perché questa mattina per un attimo ho temuto di avere delle superstringhe quantiche aperte e sparse per casa.

Il fatto è che dopo aver passato diversi minuti a sincronizzare in avanti tutti gli apparati al quarzo da me posseduti, compreso il pendolo a cucù della signora Ingrid e l'orologio automatico di mio nonno, mi sono reso conto di aver fatto un lavoro del tutto inutile. Lavoro che gli allarmisti dell'ora legale ormai ci ricordano anche due settimane prima dell'evento stesso.

screenshot tratto da Il Messaggero

Che strano ho pensato stamattina, l'orologio della signora Ingrid si è sincronizzato da solo, e così anche quello automatico di mio nonno. Fenomeni paranormali? Entità che mi aiutano nelle rognose faccende di casa? O semplicemente mi hanno instillato l'ansia illegale da ora solare?

A questo punto, visto che mancano ancora sette giorni alla fine dell'ora solare, mi si pone un'arduo problema: portare nuovamente indietro gli orologi, facendo fatica tripla o lasciarli così per una settimana facendo la sola fatica mentale di sottrarre un'ora all'ora letta?
L'autismo che è in me grida forte in dialetto tedesco di riportare il tutto a una situazione che sia più gestibile, più in linea con i principali eventi astrologici del secolo e ovviamente in fase col movimento di nutazione dell'asse terrestre, ma soprattutto che non sia in grado di aprire pericolosi gravitoni tra la cucina e il bagno.


mercoledì 15 marzo 2017

Ci siamo sposati su Messenger



Per fortuna è solo la mia vista a fare cilecca, ma tranquilli arriveremo anche a questo, è solo questione di tempo. I due sposini daranno l'annuncio su Facebook ciascuno sulla propria bacheca e poi creeranno il loro evento, l'addio al nubilato e l'addio al celibato. E trasmetteranno il tutto LIVE solo per gli amici. Quelli veri.

Poi ci sarà l'Evento con la E maiuscola. Ma non tutti potranno partecipare, sarà un evento a invito ovvio, con tanto di pulsante per le donazioni. E ci sarà una pagina dedicata con foto, video e commenti/pettegolezzi/insulti. Tutti stando rigorosamente a casa propria s'intende. 

E per finire, il giorno delle nozze convoleremo tutti su Messenger, loro due in alto nella chat, sempre fissi e visibili a tutti. Lo scoiattolo in questione pronuncerà il rito solenne, entrambi diranno SI LO VOGLIO o meglio, lo scriveranno in chat, e le trombe suoneranno invitando tutti a uscire dalla chat per trasferirsi sulla pagina dell'evento, dove ci sarà il rinfresco sottoforma di buoni sconto Foodora.

Finché Internet non vi separi.
Amen.

Il mistero del nastro doppio

Credo che ormai siate abbastanza maturi da potervi raccontare la storia dei nuovi nastri al controllo bagagli di Fiumicino.Sono mesi ormai che in quest'aereoporto hanno installato un intelligentissimo sistema di smistamento clienti, peccato soltanto che nell'analisi del sistema non abbiano considerato il vero collo di bottiglia: i clienti.

Per capirci, il meccanismo è molto semplice; se prima avevamo un passeggero alla volta che metteva computer, cellulare, valigia e quant'altro sul nastro per i controlli (la funzione di distribuzione degli arrivi era del tutto simile a quella del suo smaltimento) adesso abbiamo quattro passeggeri per ciascun nastro che possono fare altrettanto, dimezzando i tempi di smaltimento a prescindere dalla funzione poissoniana di arrivo ai controlli di sicurezza. Attenzione, non è che per una persona che prima veniva servita adesso ne abbiamo quattro, ma considerando T il tempo di svestizione di un passeggero, avremo certamente 3 svestizioni in più per ogni T ovvero ogni 4 passeggeri, il che abbassa notevolmente il tempo di servizio totale del singolo cliente.

Se il cliente stesse al gioco.



Infatti, nonostante il criterio di smistamento sia piuttosto semplice da capire anche per il novizio (i simboli a terra sono giganti e gli addetti al controllo fanno di tutto per aiutarti) puntualmente si assiste a scene del tipo.. "Signore può andare, c'è una postazione libera." Faccio io indicando una delle due postazioni libere per la svestizione. Ma niente. Il tizio guarda fisso l'orizzonte oltre il metal detector, forse oltre l'oceano. "Sir, you can go. Free step ahead!" Ma anche qua niente, un caso clinico. L'uomo è certamente un animale abitudinario, e fin quando il passeggero non vedrà il cliente davanti a sé decollare dalla pista principale, non si azzarderà nemmeno a poggiare lo zaino dentro una vaschetta.

Eppure il sistema ti viene incontro, hai davanti a te un nastro statico e delle vaschette libere pronte all'uso. Prendi vaschetta-riempi vaschetta e dal nastro statico la sposti su quello scorrevole. Semplice! Ma niente....Sir you can go 'mpar de palle.

Ma voi penserete, vabbé forse era anziano. NO! Ho visto giovani tedeschi con un MBA e quattro lauree lasciarsi prendere dal panico, ragazzi che mettevano il computer sul nastro scorrevole e il portafogli su quello statico. Una ragazza, quando gli ho fatto cenno del posto libero mi ha pure risposto NO, THANKS!

E poi per ultimo, dulcis in fundo....il recupero bagagli e vassoi dalla parte opposta.... il criterio è lo stesso, un nastro che scorre e uno che è fermo. Un pò come quando al ristorante giapponese prendi dal binario la ciotola rosa, la ciotola gialla e così via... bene, qui scegli una delle quattro postazioni libere, prendi la tua vaschetta che arriva sul nastro scorrevole, la poggi su quello statico, ti rivesti e cestini la vaschetta ormai vuota nel raccoglitore. Semplice.

Se non si hanno clienti.

Ma ogni aereoporto che si rispetti ha almeno un cliente. Eh lo so, sono strani questi aereoporti. E sono abbastanza certo che anche con un solo cliente sorgerebbero rallentamenti e code improvvise.

Ma veniamo proprio all'ultima fase del controllo. Il cliente medio aspetta la sua vaschetta come Homer Simpson aspetterebbe un hamburger al drive-through, invece di un controllo bagagli per lui dev'essere una sorta di self service in pausa pranzo. In effetti gli elementi ci sono tutti, c'è un nastro, ci sono i vassoi e bisogna aspettare. Con la valigia cotta a puntino e il suo computer che esce dal tostapane lo vedi agitare le sue manine e saltare felice sui piedi. Evviva evviva è fatta, si mangia!! E non sarà certo il vetro messo poco prima delle quattro postazioni d'uscita a fermarlo dal recuperare il bagaglio, perché Homer, invece di rilassarsi posizionandosi in una di queste postazioni vorrà recuperare la valigia proprio mentre scende dal nastro rischiando di farsi venire un ernia per lo sforzo.

LESSON LEARNT N.1
Un sistema è davvero intelligente quando supera il test del passeggero

LESSON LEARNT N.2
Il team building tra clienti non funziona

lunedì 13 marzo 2017

Gli orologi di un tempo

Ragazzi sono tre settimane che ci soverchiate i maroni con questa storia dell'ora legale, qualcuno di voi ha cominciato a ricordarcelo appena dopo la befana, nemmeno fossero le primarie del PD. Lo sappiamo che arriverà anzi, ormai non c'è nemmeno più bisogno di saperlo visto che fanno tutto gli smartphone e gli orologi sparsi per casa.

Ma non era bellissimo invece quando tutto avveniva all'ultimo momento e il giorno dopo scoprivi che c'era qualcosa che non andava nel mondo per la sola differenza di luce nell'aria, o per quel languorino precoce allo stomaco? Il tuo orologio biologico era completamente sfasato che ti sembrava di essere arrivato da New York. Quello sì che era viaggiare e potevamo ancora dire d'esser poeti e marinai.

"Mamma che è successo?" Chiedevi, mentre tuo padre era intento a spostare la scala per la diciottesima volta cambiando quello che sembrava il diciottesimo orologio al Plutonio sparso per casa. "Ce l'ho ce l'ho! Passami la batteria al Bario per favore..." Sussurrava piano a mia madre che faceva da assistente mentre io me la dormivo ancora alla grande e rigorosamente in piedi. Insomma era un evento tale che mio padre dimostrava di essere un vero capofamiglia.
"Questa casa supererà l'ora legale anche quest'anno, cascasse il mondo!" Diceva a mia madre prima di andare a dormire il Sabato sera, concentrato e più cattivo che mai.

Magicamente quella mattina di Ottobre o di Marzo, gli orologi erano perfettamente allineati al flusso canalizzatore e all'unisono ti ricordavano che prima o poi saresti dovuto tornare indietro nel tempo.

"Nel passato?"
"No, nel futuro!!"