giovedì 13 gennaio 2022

Le gesta di Berlun Hood

Una persona buona, altruista e magnanimamente umile. Padre di 52 figli, marito di 72 donne, nonno di 141 nipoti e suocero di 47 generi. Figlio dei figli. Amico di tutti coloro che lo odiano e nemico dei ladri che rubano ai poveri. Soprannominato simpaticamente dalla Regina Elisabetta "Berlun Hood", è in cima alla lista di tutti i contribuenti italiani e li guarda spesso dall'alto con piglio sereno e responsabile.

E' il più giovane tra gli imprenditori anziani ad essere stato nominato Cavaliere Parsifal dei Giovani Imprenditori Bianchi Senza Macchia e Senza Peccato. Egli è giovane tutt'oggi, Cavaliere un pò meno. E' stato un self-service-made-man, inventore delle città "sicure", delle campagne "a posto" e dei laghetti "così così". Alchimista e amico dei libri, ha donato l'elisir di lunga vita a tutte le sue mogli.

Ha messo fine alla Guerra Fredda come agente in incognito durante la famosa operazione "Bunga Bunga". E' stato il leader più applaudito di sempre (record di 18 minuti e 31 secondi) alla Fiera delle Foche Monache di San Pietroburgo nel 1997 ed è stata l'ultima persona ad essere democraticamente eletta prima della dittatura che tutt'oggi tiene in scacco la popolazione. 

Nel 2009 ha costruito personalmente la casa a tutti i terremotati dell'Aquila. Fondatore del centro destra liberale, garantista, europeista, assenteista, cristiano, indù, buddista, ebreo, musulmano. E' stato il parlamentare italiano più votato di sempre con un miliardo e mezzo di voti in una sola sessione elettorale. Da notare che contò le schede tutte lui e nel giro di una sola notte.

E' stato insignito della medaglia Fields senza conoscere la matematica, del Nobel senza conoscere la Fisica e del Pulitzer senza conoscere l'italiano. Nel 2009, con grande sprezzo del pericolo, ha salvato il Papa da una madonnata in fronte e per questo è stato proposto come Papa Honoris Causae l'anno successivo. Ha vinto sette volte l'Oscar, 18 volte il David di Donatello e 23 volte il Donatello di David. Vincitore del Disco d'Oro nel '71, le sue abilità canore sono state paragonate a quelle delle sirene.

Signore e signori, al Quirinale quest'anno votate il Parsifal di Arcore! 

Rielaborazione di pag.5 de Il Giornale del 13 Gen 2022









Nessun commento:

Posta un commento