Visualizzazione post con etichetta humor. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta humor. Mostra tutti i post

lunedì 11 dicembre 2017

Filippa Lagerback ha parlato, arriva dopo anni il contraddittorio a Che Tempo Che Fa

Che Tempo Che Fa, RAIUNO


Colpo di scena nella trasmissione condotta da Fabio Fazio, la muta valletta che da dodici anni prende parte nel ruolo di muta valletta, avrebbe finalmente detto la sua.

"Sono dodici anni che cerchiamo un contraddittorio con i nostri ospiti, ma senza successo. E poi se lo mettiamo in atto chi ci viene più? Se lo immagina l'imbarazzo di un politico messo di fronte all'evidenza di domande non concordate? Non sarebbe sano per il programma."

"La soluzione migliore è stata quella di affidarlo a Filippa." Ha aggiunto la Littizzetto. "Quando ieri l'abbiamo sentita parlare per la prima volta, quasi ci è preso un colpo. E poi ha scritto anche un libro, Io pedalo e tu? Quale miglior garanzia."

Basito persino il conduttore Fazio, che non lascia mai nulla al caso. "Avevamo concordato sia le solite battute che il bacio fintamente improvvisato. Ma lei è andata oltre partendo da una disamina sociale su Karl Marx per passare poi alle differenze sostanziali tra la filosofia di Democrito e quella di Epicuro."



(racconto di fantasia liberamente tratto da fatti di cronaca)

sabato 9 dicembre 2017

Freddo popolare in arrivo, meteorologo balbuziente mette tutti d'accordo



Un meteorologo con alcuni problemi di dizione pare sia riuscito nell'ardua prova di dare previsioni meteo che piacciano a tutti. L'AMICA (Associazione Meteoropatici Italiani Con Ansia) ha lodato il suo tentativo insignendolo del premio Meteorologo dell'anno 2017

"Ma io non ho fa-fatto proprio ni-niente." Avrebbe detto all'Amica.

Sta di fatto che una nuova perturbazione è in arrivo nei prossimi giorni portando neve sui mercatini di Natale, pioggia nelle zone più aride della penisola e vento nelle città più inquinate come Roma e Milano. Non mancheranno sole, grandine e scirocco.




(racconto di fantasia liberamente tratto da fatti di cronaca)

Non si tratta solo di 365 giorni

Caro Facebook con queste scemenze sei diventato più falso di un Renzi eletto dal popolo, ma soprattutto (virgola) perché nel breve ricordo del mio 2017, tra tutte le bellissime foto che ti ho propinato, tu mi hai scelto proprio queste?






..secondo me hai qualche algoritmo fuori posto!




sabato 2 dicembre 2017

L'ombrello quantico



Porto l'ombrello e non piove. Lascio l'ombrello e piove, allora porto l'ombrello, ma non piove anzi, esce il sole. Dunque lascio l'ombrello, ma prima grandina e poi piove. Mi scrivono quelli di The Weather Channel e Weather Underground chiedendomi di collaborare con loro. "We are analyzing petabyte of big data but it seems that your umbrella is the only significant variable in the European atmosphere." Non solo, gli ho risposto, ma quando lo apro tira vento e non piove, se lo chiudo ci sono fulmini, ma solo se lo allaccio. Se lo chiudo e non lo allaccio di solito nevica. Ma se provo a misurarne orientamento e posizione nello spazio i dati sballano e con essi le previsioni meteo. L'ho anche avvolto in della carta stagnola e bombardato di neutrini prima di uscire di casa, ma l'equazione non cambia. Porto l'ombrello e non piove.

Per maggiori informazioni: www.lombrellodialberto.it


lunedì 16 ottobre 2017

Il Lunedì

Le giornate di merda si suddividono in due categorie, le giornate di merda che cadono nei giorni dispari e quelle che cadono nei giorni pari. Nei giorni dispari regna sovrano il Lunedì con un'incidenza del 97.2% e sempre fedele alla sua natura, il primo giorno della settimana vi renderà partecipi di tante tante cose, tutte inutili. Nei giorni pari invece la fa da padrone il Lunedì, non pago di essere una giornata di merda dispari, egli cerca con ardore di eccellere anche nella categoria dei pari.

Peraltro sapete bene che il Lunedì non comincia il Lunedì, ma comincia la Domenica sera, quando più nessuno proferisce parola, quando l'aria diventa pesante e quando oscuri presagi ammantano la mente dello schiavo. Anzi, se ci fate attenzione, poggiando un orecchio sulle pareti di casa riuscirete persino a sentire le seguenti parole - al lavorooooo - al lavoroooooooooo!!


E persino la Bibbia ne parla, in Esodo 31,12-17

Il Senior Manager disse a Mosè: "Quanto a te, parla ai tuoi colleghi e riferisci loro: dovrete osservare il Lunedì, perché il Lunedì è un giorno tra me e voi, per i vostri straordinari. E che si sappia che sono io il Senior Manager e che sono io che vi pago. Osserverete dunque il Lunedì, perché dovete lavorare. Chi non lavorerà sarà licenziato; e chiunque in quel giorno non farà un qualche lavoro, sarà eliminato dal progetto. E per sei giorni si lavori, purché il settimo giorno si lavori da casa."

domenica 15 ottobre 2017

La mia prima riunione condominiale

Di quella riunione ho pochi ricordi. Uno soltanto si staglia vivido nella mia mente come fosse ieri. Olga, 93 anni. Single.

Io e Olga eravamo seduti vicini, lei alla mia destra, io alla sua sinistra. Lo Champagne ce l'avrebbero portato dopo. Lei portava un baschetto come quello di Luca Sardella di Linea Verde e invece della convocazione aveva in mano il mazzo di chiavi di casa, a mò di minaccia se la riunione fosse andata troppo per le lunghe.
Olga mi ha fissato per quasi tutto il tempo che siamo stati seduti uno accanto all'altro. Mi ha passato l'acqua circa tredici volte e quando mi giravo verso di lei ne approfittava per chiedermi "Ma lei è nuovo?" e come un pirla le rispondevo sempre "Sì sono nuovo" e la storia continuava sempre uguale "E dove abita?" "E come si chiama?" per finire poi sul "Io me ne vado a letto, sono stanca, parlano troppo e non c'è musica." e dopo cinque minuti l'interrogatorio ricominciava "Ma lei è nuovo?"

La Torre di Babele

Questo siparietto si sarà ripetuto sei o sette volte quella sera. Mentre gli altri condomini discutevano del cambio amministratore e sentivano le ragioni di quello vecchio, io ero impegnato a rispondere al terzo grado di Olga. Mi disse più volte che Dio aveva creato un solo linguaggio e che questo linguaggio era la musica. Poi mi parlò dei suoi cani e della Torre di Babele, ma il nesso mi è sempre sfuggito. Feci anche una gaffe, dandole un valido motivo per tornarsene finalmente a casa.
"E sa bel giovine, io ho anche una macchina!"
Alché il mio timore era che fosse decappottabile e che mi volesse portare al Drive In. "Ah ma non mi dica, non sapevo...!! E la guida pure?" E niente, qui si offese proprio.
"Come sarebbe a dire se la guido? Certo che la guido!! Ma che domande!"
Cercai disperatamente di riallacciarmi all'ordine del giorno, di fare un qualche intervento che mi togliesse da quell'impasse, anche perché il nuovo amministratore l'avevo portato io e per quel che ne sapevo avrebbe potuto dire a tutti. "Oliva mi ha promesso che pagherà lui tutto il mio stipendio mentre voi mi dovete solo le spese di cancelleria. Accettate?"

A quel punto Olga si congedò e la proprietaria di casa l'accompagnò alla porta.
E proprio in quel frangente l'ho sentita chiedere alla padrona di casa chi fossi.




mercoledì 11 ottobre 2017

Come osservare la Stazione Spaziale Internazionale ad occhio nudo



Signore e signori, oggi 11 Ottobre 2017 alle ore 20.19 Berlin Time, discutendo di infiltrazioni condominiali nel cortile del vicino, ho visto la Stazione Spaziale Internazionale ad OCCHIO NUDO !

"Miro guarda, questa mia nuova applicazione, puoi vedere il cielo stellato in augmented reality"
"Allora ti dicevo, se l'amministratore...."
"No Miro, ne parliamo dopo, mi è appena arrivata la notifica che sta per passare la Stazione Internazionale, cerchiamola!"
"Ma nun dovevamo cercà l'acqua?"
"Ma mica siamo rabdomanti."
"E all'amministratore che je dico?"
"Che prima cerchiamo la stazione"
"Ma c'avevo pure i gessetti per fare i segni a terra..."
"Dopo ci pensiamo, guarda Miro è proprio lì!"
"Ah" (perplessità guardando i gessetti)
"Miro ma dove guardi? Da questa parte!"
E Miro ancora più perplesso mi guarda e mi fa. "Ma stai a guardà er palazzo."
"No Miro è l'Augmented Reality, guarda il mio cellulare!"
"Ma scusa, stavi a guardà a stazione, poi er palazzo e mò er cellulare? Così so boni tutti."
"Eh si, riesco a seguire la stazione da dietro agli oggetti, tramite il cellulare. Tra cinque secondi apparirà!"
Cinque lunghi secondi dopo "Eccola!" E gliela indico.
"Non la vedo"

Daicazzooooooooooooooooooo!

Cinque lunghi minuti di silenzio dopo...
"Adesso posso usare i gessetti?"

 

p.s.
per chi volesse approfondire:
http://divulgazione.uai.it/index.php/Come_osservare_la_Stazione_Spaziale_Internazionale

martedì 10 ottobre 2017

Golgothan IV

Photo: Alex Honnold


La giornata di oggi è stata molto faticosa. E quando dico faticosa, intendo appeso a una parete di sesto grado cercando di arrivare in cima a mani nude, in mutande e prima che giunga la bufera.

La temperatura al mattino era molto bassa, la corda mi si era persino ghiacciata. Poi un raggio di luce mi ha scaldato le mani strappandomi un sorriso. Ma mi è bastato chiudere il sacco a pelo e fare dieci metri che un aquilotto bastardo mi ha cagato in testa. E quando sei appeso a una parete di sesto grado non puoi pensare di farti uno shampoo, né puoi fare le corna all'aquilotto altrimenti caschi di sotto. Verso le undici chiamo l'ufficio aquilotti per fare presente la cosa e mi risponde un call center che mi mette in attesa. Poi casca la linea e mi trovo quattro abbonamenti annuali alla rivista digitale Aquilotto Moderno. Ma procedo. L'aria si scalda, comincio persino a sudare. La fronte madida di... ah no, non era sudore.... poi giungo sul Dente del Giudizio, una roccia spaziosa dove fare una siesta. Qui incontro due simpatici spagnoli o meglio, lui era simpatico, lei era peggio di un maglione bagnato a pelle in una fredda giornata d'inverno. E mi fa "No hay espassio para tres personas!" Ma con una faccia che l'avreste dovuta vedere, alché gli rispondo in perfetto inglese "Ma tu sorella!" E mi apparecchio per farmi un piatto di lenticchie e carote con bruschette aglio, oGLIO e rosmarino. Dopodiché riparto, ma tempo di fare dieci metri che mi accorgo di avere sbagliato montagna. Ero su quella di fronte. Alché scendo di nuovo al Dente del Giudizio e la spagnola mi fa "No soy español soy catalán!" E in perfetto dialetto provenzale gli rispondo "Masticazzi!" Do una pacca sulla spalla del marito (che approva rassegnato) e proseguo la discesa per la cima di fronte. Che detta così rende proprio bene l'idea di quello che ho fatto oggi - LA DISCESA PER LA CIMA DI FRONTE - diceva sempre il mio capo scout Golgothan IV ai tempi in cui la Spagna non era ancora nata: "Per salire bisogna prima scendere. Ma per scendere bisogna solo scendere."
"Que increíble faina!" Aggiunse la spagnola ridendo ereticamente delle parole del Venerabile Golgothan IV, poco prima di essere bruciata dagli occhi di Zeus abilmente camuffati dai miei banalissimi Rayban.

(continua...)


lunedì 25 settembre 2017

Impara l'arte e mettila da parte

Big Clay 4 di Urs Fischer è arrivata in piazza della Signoria a Firenze:

Credits: Corriere Fiorentino

Credits: Ansa
Credits: Corriere Fiorentino


Grandissima opera d'autore (nel senso di grande, imponente), sicuramente partorita dopo mesi e mesi di difficili tentativi, quando ecco finalmente l'illuminazione, probabilmente nata su quel bianco vaso di ceramica, laboratorio fai da te e fucina di cotanti sforzi, magari facendo le parole crociate e certamente frutto dei postumi di una ricca abbuffata.

Complimenti all'autore, siamo certi che il mondo avesse "bisogno" di una tale opera di genio!


domenica 24 settembre 2017

Campionati mondiali di busta al chiuso

Battuto il campione del mondo Andrej Al Carfur dallo sfidante Alberto Oliva nella disciplina spesa con salto alla cassa per la categoria 60 euro. L'italiano si è piazzato col miglior tempo di sempre entrando e uscendo in soli 12 minuti e 4 secondi. Ai microfoni il neocampione del mondo ci ha detto di aver memorizzato la lista della spesa così bene che poteva recitarla al contrario e in ebraico antico. Ha anche ricordato di essersi allenato su tutte le possibili varianti di posizionamento del prodotto, per colore, forma e peso. In questo stadio del fresco infatti, sapeva che le zucchine avrebbero potuto essere sia a destra che a sinistra così come i broccoli, a volte ci sono, a volte non ci sono. La vera difficoltà ha aggiunto, è rimpiazzare la verdura con un valido sostituto e non perdere tempo dietro a verdure potenzialmente inesistenti come la melanzana tonda. Per non parlare poi di quando si hanno le zucchine vicine ai cetrioli, in questi casi solo l'esperienza ti può salvare. Al Carfur, che ha studiato questa disciplina per mesi e fatto la spesa per anni e in tutte le stagioni, ha ammesso di non aver mai visto niente del genere. "Oliva oggi avrebbe potuto fare la spesa all'indietro, senza carrello e persino a occhi chiusi. Non era un'atleta, era una macchina imbustatrice."


domenica 30 luglio 2017

Il Faretto

"Vedrai con questi faretti andrà benissimo."
"Sì ma quello che volevo sapere è la potenza delle lampadine."
"Queste sono le più potenti in commercio per questo genere di faretti, vedrai che luce ti faranno in bagno! Dovrai avvisare la torre di controllo quando vai a pisciare."
"Va bene dai, ne prendo due."
Il mio ferramenta di fiducia poggia i due faretti da esposizione sotto il bancone e ne prende altri due da incartare, sempre sotto il bancone.
Torno a casa, scarto il pacchetto, monto i faretti tutto felice e accendo la luce manco fosse l'albero di natale.

Il Nulla. Buio pesto.
I faretti sono bellissimi, ma non hanno le lampadine.


domenica 23 luglio 2017

FERRAMENTA story

Garbatella, entro in un ferramenta per dei semplici bulloni da tenda. Cinque porte d'ingresso, passo dall'unica aperta. Mi guardano in modo strano. Io faccio buongiorno, avrei bisogno di tiranti da 12 con testa esagonale per favore.

"Cosa?"
"Dei tiranti per fissare la molla della tenda da balcone."
"Ah no..."
"Dei bulloni insomma, quelli con stop da 12."
"No non abbiamo bulloni qua"
"Ah." Forse ho sbagliato fruttivendolo penso. "Va bene la ringrazio, buongiorno." Ma non ricevo risposta, solo rassegnazione.

Entro in un ferramenta di Boccea. Questa volta mi porto la foto della vite a croce che voglio sostituire col bullone.
"Ecco guardi, me ne servirebbe una della stessa lunghezza ma più larga e con testa esagonale"
"Un bullone?"
"Esatto!" Sembrava uno sketch di Trivial Pursuit.
"Non ne abbiamo mi dispiace" E tira fuori dal cassetto una vite a croce identica a quella della foto.
"Abbiamo solo questa."
"Ma è la stessa che ho io..."
"Eh allora niente."

Torrevecchia, dietro casa. Ripeto la manfrina e questa volta mi porto il cadavere della vite a croce avvolta in un panno. Le tolgo lentamente le bende col commesso del ferramenta che guarda curioso da vicino. Lo sento quasi pensare mio dio che ci sarà là dentro, un lingottino?
"Ecco qua!"
"Oh ma certo..." Fa il commesso un pò deluso. "Dimensione 12 le va bene?"


Morale della storia: ferramenta e buoi dei paesi tuoi



domenica 9 luglio 2017

La nebbia dell'informatico

Giunto finalmente il weekend, il Ragionier Oliva poté rilassarsi al sole di una bellissima e poco frequentata località balneare laziale.
Arrivato in spiaggia con berretto fotorepellente, olio di foca protezione 100, ombrellone a due piazze e mezzo e frigorifero ambulante alimentato a carbone, la spiaggia venne misteriosamente inglobata nella famigerata nebbia dell'informatico. Evento rarissimo che di solito si verifica là dove c'è un informatico, uno stagno e una temperatura prossima allo zero, la nebbia in questione ebbe luogo alle ore 13 in punto con 39 gradi all'ombra e in piena stagione estiva.
Alché, scambiato per un venditore di grattachecca e ricevuti improperi dai bagnanti per la mancanza di cocco nel suo frigorifero, il Ragionier Oliva s'improvvisò spalmatore di olio di foca per la modica cifra di 1 euro a spalmata.




lunedì 3 luglio 2017

Omaggio a un genio del cinema

Ore 6.35

Il Ragionier Oliva approfittava della fresca temperatura di 27 gradi all'ombra di un condizionatore per uscire in strada e fare la sua mezza maratona mattutina.

Dopo 1500 metri e due ambulanze passate a sfregio con tanto di pernacchia, il ragioniere si accasciava all'ombra dell'unico fico d'india presente a Roma. Poggiandovisi di spalle.
Quando financo un simpatico cagnolino gli venne in soccorso scodinzolando felice e scegliendolo come nuovo paletto per marcare il territorio, il ragioniere mosso da un ultimo impeto d'amor proprio, ripiegò mestamente verso casa.

COLAZIONE del CAMPIONE 
Per smaltire le 52 calorie e mezzo perse, il ragioniere dissurgelò il frittatone di cipolle della sera prima, accompagnandolo con salsa di peperoni ripieni e una familiare di Coca Zero.

Caffé, barba, bidet, e via di cartellino.



sabato 6 maggio 2017

Cose impossibili: come stirare 5 camicie e non impazzire



Stanco e ormai giunto alla quinta camicia da stirare mi fermo, stacco la presa e rifletto. Poi prendo il mio misuratore laser di temperatura e rilevo 161.2 °C sulla parte centrale della piastra. Alché prendo il metro e rilevo le misure della superficie della piastra facendo attenzione a non bruciarmi. Poso il metro e prendo un pezzo di carta, una penna e una calcolatrice. Mi calcolo l'area approssimativa della piastra (0.0123 metri quadrati) e cerco su Amazon il peso del mio modello di ferro da stiro, 1.2 Kg. Dopodiché controllo la temperatura della stanza (22.4°C), prendo online la densità e il calore specifico dell'acciaio nonché il valore del coefficiente di scambio termico.

Per finire rispolvero l'equazione del calore considerando la piastra in regime variabile e integro in dt.

Ottengo due risultati: 7899 secondi 1

...e stirare fa male.

1 No, non ti lascerò nel dubbio: è il tempo necessario affinché il ferro da stiro "si freddi"

domenica 16 aprile 2017

Guida su come creare questo avendo solo quello

Ebbene sì, questa mattina sono incappato in una delle sue guide.
E sappiamo tutti come sarebbe il mondo senza di lui.

Credits: Metro 2033


Ma più che una guida mi è sembrato un lungo monologo, e mi è sorto il dubbio se non fosse bastato un semplice link al tool che cercavo.



GUIDA SU COME CREARE QUESTO AVENDO SOLO QUELLO

Hai la necessità di creare questo con il tuo vecchio pc (rotto) avendo solo quello?
Mi chiedi in che modo? Beh, semplice:
Siediti.
Se non hai una sedia su cui sederti, esci e comprane una.
Per dirla in altri termini, prima ancora di cominciare a creare quello che ci siamo prefissati di creare io e te, devi avere una sedia, una scrivania e un computer con requisiti minimi: mouse, schermo, tastiera. Per cui se sei davvero interessato a scoprirne di più, ti suggerisco di non perdere ulteriore tempo prezioso, di sederti davanti al tuo vecchio pc (rotto) e di dedicare qualche minuto del tuo tempo prezioso alla lettura di questa guida. Sono abbastanza certo che alla fine di questa lettura potrai dirti soddisfatto, scommettiamo?

Come potrai facilmente intuire, una volta accertato che la tua sedia abbia i requisiti minimi per farti leggere questa guida, dovrai aprire il tuo vecchio pc (rotto) e inserire la pendrive. Se non sai cos'è una pendrive, segui la mia guida qui oppure qui. Ne ho parlato anche qui. Qui invece trovi un mio doumentario andato in onda alla fiera dell'USB.

Tieni presente che per poter installare il software che ci prefiggiamo di installare devi essere seduto e col tuo hard disk abbastanza vuoto. Se non sai cos'è un hard disk segui la mia guida qui. Se non sai cos'è il vuoto ne ho parlato qui. A questo punto ti chiederai, ma a cosa serve il software se ho la pennina USB? Domanda lecita, ma sarebbe come chiedermi perché ho fatto questa guida se dovevo solo rispondere a una domanda.

Ma procediamo. Effettuati tutti i passaggi che ti ho appena descritto, vai a questo link e scarica il programma gratuito della Microsoft fatto a posta per fare questo avendo solo quello. Come dici? Non hai la connessione? Se non sei collegato a internet segui la mia guida sui migliori provider italiani, ma se stai leggendo questa guida mi sorge il dubbio di come tu abbia fatto a trovarla.

Adesso riavvia il tuo vecchio pc (rotto) e vai nel BIOS. Se non sai cos'è il BIOS segui la mia guida su come entrare nel BIOS e poi premi F10 quattro volte. Adesso stacca la pennina USB.

Riattaccala.
E il gioco è fatto.


venerdì 14 aprile 2017

Mother Of All Bufale



Secondo me la minaccia nordcoreana sarà un epic fail che passerà alla storia, Kim chiederà mestamente asilo agli americani con detenzione di lusso a Santa Barbara e carnet di biglietti per Disney World, l'indice di gradimento di Trump schizzerà oltre l'80% Putin se la legherà al dito e la Cina farà pippa con un miniembargo boomerang che toglierà dopo qualche settimana.

Adesso è il momento giusto per comprare titoli americani, ma sentiamo prima il discorso che Trump terrà il mese prossimo: "Il popolo americano mi ha eletto con un solo desiderio, far tornare grande l'America. E abbiamo dato seguito alle sue richieste facendo in sei mesi quello che non è stato fatto in sei mandati! Gli amici nordcoreani adesso sono liberi di eleggere il loro Presidente. 

God bless America!"


venerdì 7 aprile 2017

Il team della Ferrari



Lavori cancello elettrico condominiale, tutto procede come da copione che nemmeno il team della Ferrari. Scendo ore 17, mi congratulo con gli operai, stringo mani, pacche sulle spalle e consegna chiavi da parte dell'elettricista. "Lavoro eccezionale ragazzi, bravi! Cancelli così nemmeno a Moria li fanno più!" Vabbé, la battuta la capisco solo io, poi concludo. "E adesso ditemi come funziona."

Il Project Manager, tale Rocco il Geometra, prende uno dei tre telecomandi e lo punta con ghigno beffardo verso il basculante. Ma il basculante rimane fermo. Lui spinge ancora il pulsante, poi ancora e ancora. Ma niente, immobile. L'imbarazzo è nell'aria.
"Cazzo è successo?" Chiede Rocco fulminando l'elettricista. Poi controlla l'altro telecomando, fa smontare la scatola del motore, esaminano i fusibili, staccano e riattaccano la scheda. Ma niente.
"Non capisco, fa il project engineer più anziano."
"Forse è saltata la corrente?" Chiedo io timidamente sentendomi ormai parte del team.
Mi guardano torvi. Poi in due vanno al quadro delle scale. Li sento parlare in elettricistico. "Maj'hai fatto er bifase? Né che quanno j'hai riattaccato sosemo giocato?"
Ricontrollano la scatola di derivazione. Tutto sembra regolare. Fino a quando, timidamente, subentra il senior analist a gamba tesa.

"Ma non sarà che l'abbiamo lasciato in modalità manuale?"

giovedì 6 aprile 2017

Come funzionano le cose nel mio condominio



Riunione di condominio, presente la maggioranza.

Parola al Presidente. "Allora il lavoro di 400 euro che ci aveva preventivato Ascanio (un condomino) non si riesce a fare perché Ascanio non ha tempo, vogliamo procedere con altri preventivi?"
"Io conosco un ottimo elettricista." Esordisce l'amministratore. "Ha fatto diversi lavori nel palazzo che ho preso di recente e sicuramente ci farà meno di 400 euro."
"Ottimo." Fa il Presidente, cioé io. "Ricordati però che abbiamo avuto pessime esperienze con l'elettricista precedente che se n'è approfittato veramente troppo." Faccio vedere somma dei tre banali interventi per un totale di 650 euro. 
La giuria approva. 
Il giudice stesso scuote la testa.

"Stai tranquillo Albé."

Morale della storia. 
Preventivo di 550 €. "Abbiamo sottostimato i cavi Albé!"
Dieci ore di lavoro. Fattura finale di 695.19 € "Abbiamo sottostimato le ore Albé!"

Qui l'unica cosa che abbiamo sottostimato è l'intelligenza dell'elettricista!


Il Motel con gli scarafaggi



Hotel a nord di Milano vicino l'autostrada.
Faccio il numero della Reception.

"Qui Reception, dica pure sono Paolo."
"Buonasera Paolo, senta è da quando sono entrato che c'è un rumore come di acqua nei tubi del riscaldamento, o aria condizionata non so, solo che questa è spenta e non capisco da dove venga. E' un rumore continuo e piuttosto fastidioso. Non è che magari può far venire qualcuno a controllare o cambiarmi direttamente di stanza?"
"Guardi, non abbiamo notizie dei rumori che lei mi sta dicendo, è la prima persona che ce li segnala."
"E dunque?"
"E niente, non capisco a cosa si riferisce."
"Ma parla sul serio? Si rende conto di cosa mi sta dicendo?"
"Signore io qui sono solo un receptionista e non posso lasciare la postazione."
"Infatti le ho appena detto di mandare qualcun....vabbé lasci perdere, potete cambiarmi stanza?"
"L'hotel è al completo, ma se vuole c'è qualche stanza libera nel... Motel."
"Quello con le foto di scarafaggi su Tripadvisor? No grazie. E lo faccia quest'esame di abilitazione alla professione di Receptionist, potrebbe scoprire cose molto interessanti!"
"Sulla professione di Receptionist?"

"No, su di lei !!"