domenica 12 marzo 2017

La Tarallucci&Vino Enterprise

Mi arriva l'ennesimo annuncio di lavoro via mail, da parte della rinomata azienda Tarallucci&Vino Enterprise (nome di comodo come avrete brillantemente intuito).

credits by Cookthelook.it


Oggetto della mail: "Occasione per IoT Project in ambito Internazionale"

Testo della mail: "La Tarallucci&Vino Enterprise sviluppa Soluzioni e Applicazioni di Mobile Internet su cross platform e multiscreen con la più avanzata User Experience tramite un approccio User Centered delle più comuni tecniche dell'IoT. Con un fatturato in forte crescita si stabilisce rapidamente nel mercato Italiano e Internazionale. Se sei interessato inviaci pure il tuo cv."

Alché anche il laureando fuori corso si fa una grassa risata e lo usa subito come case history per la sua tesi di laurea. Che poi quel simpatico pure nell'ultima frase, io lo trovo di un'innocenza unica, roba da bimbetti con la spada finta di Excalibur che uccidono il magico drago invisibile.


sabato 11 marzo 2017

Mezzo o intero?

Esco a prendere una pizza, magari anche al trancio.

Mi fermo da Mega Pizza il cui nome in giorni di abbondanza glicemica mi avrebbe fatto girare alla larga subito, ma quando hai un calo di sano glutine e ottimo olio di colza, pagheresti oro per una fetta di amido e rosmarino.

E così entro nella pizzeria che vorrei già uscire. Pizze rattrappite e sparpagliate con millimetrica precisione in modo che il bancone sembri pieno. Un pò come quando a mensa chiedi le patate al forno e te ne mettono cinque a forma di stella in un piatto rigorosamente a parte.

Ma torniamo alla pizzeria. Torniamo a lui, il proprietario e al suo sorriso prostatico che giustamente vedendomi entrare se ne va sul retro. Bene. Penso. Un'ottima scusa per filarmela.
"Dicaaaa." Ma la moglie mi ferma proprio mentre mi dirigo verso la porta.
Allora guardo l'orologio, manco stessi aspettando un collega alla stazione, poi riguardo il bancone e poi ancora mi guardo attorno, attonito e con stile. "Mah...!! Ma senta... il pollo ruspante non l'avete?"



Ecco, in un mondo normale, una pizzeria che a stento ha la pizza bianca difficilmente avrà del pollo allo spiedo croccante che gira sopra un letto di patate succulente. Alché rispondendomi no mi spiace me ne sarei andato felice in un'altra pizzeria.

"Quanto mezzo o intero?"

In un mondo normale.


Mal-pensa-nti



Trenord verso Malpensa pulito quanto il bagno pulito di una stazione di servizio della A1.

Scendo al Terminal 2 pensando "Comodo sto trenino arriva fin dentro al Terminal". Beh non è proprio così perché arriva fuori dall'aereostazione, bisogna fare circa 350 metri a piedi per arrivare agli imbarchi e poi altri 400 metri dentro l'aeroporto solo per raggiungere il gate. Praticamente quasi un km dal treno al gate, ok ok sarò stato sfigato io da avere il gate D15 pazienza.

Ma al controllo sicurezza già mi sorgono i primi nefasti dubbi sulla service adaptability di questo aereoporto nonché sul senso dell'umorismo di chi gli ha dato il nome. Eravamo tipo in dieci a percorrere avanti e indietro come dei cretini la coda statica per arrivare al controllo sicurezza. Ma roba che per 5 metri in verticale sono riusciti a fartene fare 80 in orizzontale. Dopo il settimo tornante ho anche preso un Travelgum. Alché alla dodicesima volta che vedo questa simpatica coppia di anziani sfilarmi accanto e in senso contrario li saluto. Lei sorride, lui un pò meno. Poi mi ferma un tipo da spiaggia, palesemente addetto a rompere le palle.

"Biglietto per favore." Tiro fuori il biglietto pensando che fosse il controllo per gli aereoporti sprovvisti di tornelli... no no era proprio l'addetto a rompere le palle. "E questa cos'è?" Mi fa pensando di avermi colto in castagna.
"Quella è l'integrazione del posto, l'ho cambiato due giorni fa pagando la differenza."
"Non capisco."
Eh figliolo lo so. Penso sottovoce. "E' la fattura che mi ha fatto la compagnia aerea per aver cambiato posto; dalla fila 7 sono passato alla 4. Poi la compagnia mi ha spillato la fattura sul foglio che tiene in mano."
"Ma non capisco che vuol dire 11.01 chili?"
Chili? Dove cazzo hai letto chili? "Quelli sono 11.01 ...euro"
"Ahhhhh, lo speedy boarding!"
Poverino.
"Sì bravo! Proprio quello."
"Ok vada."


venerdì 10 marzo 2017

Finché la barca va

Ma voi ve la immaginate una nave da crociera puntare verso il balcone di casa vostra?
Voglio dire, soltanto il clacson dovrebbe essere già in grado di tirar giù almeno un paio di quadri, stendere i panni e tirare lo sciaquone.

"Ehi, non sapevo ci fosse un'eclissi di sole oggi! Ah no è soltanto la prua di una nave!"

In questo video poi il tipo non ha nemmeno la ringhiera nel terrazzo di casa, certo non che questa possa frenare le intenzioni della nave, ma almeno un maggiore senso di protezione lo darebbe, o quanto meno riusciresti ancora a dire..

"Tu-non-puoi-passaaaaaaaaaaaaare!!"

Video Frame by Yasmine e Bill Todhunter

giovedì 9 marzo 2017

L'immortale


Foto by Fabio Cimaglia / LaPresse
E poi mi sono immaginato questo Silvio al Mac.

Ma lo vedo passare prima dal Drive-Through, rigorosamente solo e con occhiali da sole stile Terminator. Solo che la sua macchina non ci passa.

Alché lo vedo scendere dal camion-porsche-suv e prendere le misure. Poi un calcetto alla ruota e qualche alzata di braccia come a dire "ma chi l'ha progettato questo ca$$o di Drive-Through cribbio!"

E parcheggiando con mestizia il camion-porsche-suv, si appresta ad entrare nel Mac con la stessa camminata che avrebbe entrando nel cesso di casa sua, ovvero mano destra in tasca, testa che ciondola come quando si torna a casa dall'edicola e paso doble appena accennato al primo scalino del Mac Donald's (ohh beata gioventù).

Poi si siede. E poi il menu.
Lui non capisce nulla di quello che c'è scritto ed è un pò come leggere il proprio testamento scritto da un altro. La pasta semplice al sugo non c'è. L'acqua frizzante forse. Caffé! Oh cribbio questo c'è! Lo conosco. Ordinerò un caffé!

E così, sulle note di un musical francese che risuonano nella sua testa insieme alle onde del mare, attende romanticamente che giunga quella cameriera seducente che però, non arriverà mai.

Ma lui non lo sa, ed è questo a renderlo immortale.
 

giovedì 23 febbraio 2017

Ginecologo non obiettore ha da obiettare sul concorso per non obiettori

Un ginecologo non obiettore ha avuto da obiettare circa la regolarità del concorso cui stava prendendo parte. Quando gli è stato detto che il bando era riservato esclusivamente a medici non obiettori si è sentito un privilegiato.

"Non ho nulla da obiettare contro gli obiettori di coscienza, ma ritengo opportuno che si faccia prima una selezione per obiettori e non obiettori che sono obiettori di concorso."

Ma le cose si sono poi complicate quando ha chiesto se qualcuno avesse qualcosa da obiettare.


(racconto di fantasia liberamente tratto da fatti di cronaca)

venerdì 17 febbraio 2017

Sempre più in alto

Il livello di sudorazione delle mie mani nel guardare questo video è pari solo alle abluzioni del Nazareno nelle acque di Betania durante il battesimo ...non so se provare stima o pena per tutti questi ragazzi che arrivano a fare tanto (ormai ce ne sono a centinaia che si arrampicano ovunque per la gloria di un selfie), spero solo che le loro imprese siano sempre dettate dal raggiungimento di qualcosa di personale piuttosto che dal numero di follower su Instagram

Lei è la modella russa Victoria Odintsova


domenica 12 febbraio 2017

Grillo vs Grillo



Ho appena finito di vedere su Netflix il nuovo spettacolo teatrale di Grillo, uno spettacolo per certi versi sottotono vuoi per la stanchezza degli anni, vuoi per il momento particolare che sta vivendo il Movimento. Tuttavia uno spettacolo che si lascia guardare proprio per la sua malinconia.

Sia chiaro, non mancano le risate anzi, ma in sottofondo si avvertono sia il passare degli anni sia la velata mancanza di Roberto Casaleggio.

Il momento politico che sta vivendo il Movimento, soprattutto nella città di Roma, è un'ottima scusa per raccontare chi sia Grillo e come sia nato il comico. E ne esce una sorta di risposta ai tanti perché e percome che la gente non appartenente al Movimento si chiede e gli chiede come leader del partito.

E chi meglio di Beppe poteva raccontarlo? Allora scopriamo il rapporto difficile col padre, la prima sconfitta a scuola, e poi sul lavoro come rappresentante commerciale e poi ancora sul palco di Fantastico 7 come comico. Le sconfitte sono preziose dice, i successi sono preceduti da tanti fallimenti e la storia ce lo insegna.

"Una persona che non è più curiosa è una persona morta."

Curiose come lo sono (state) le persone di cui parla durante lo spettacolo e a cui certamente s'ispira; Edison, Jobs o Elon Musk (fondatore di Paypal Tesla Motors).

La politica insomma, è stata fino ad oggi quella serie di fallimenti che presto o tardi si tramuterà in successo. E sappiamo tutti quale partito rappresenta meglio per Grillo questa inversione di tendenza.

Fine progetto

Colonna sonora di fine progetto.. il progetto più pazzo che mi sia mai capitato. 

E come agli Emmy Awards desidero ringraziare tutti coloro che hanno contribuito in maniera indiretta alla costruzione delle prossime navi da crociera; in primis i nostri 3 autisti, tra cui Luciano detto Ciano e i ricchi sonni che mi sono fatto in auto mentre mi raccontavi in veneziano del tuo meccanico di fiducia per la tua barchetta di 4 metri (lo sai Luciano che sei il mio preferito). 
Vittorio detto Vittorino, con il tuo apparecchio acustico e le due protesi alle ginocchia, sciatore accanito di un metro e 55 nonché pessimo guidatore (grazie per avermi fatto vomitare anche le budella, un giorno ti manderò il conto delle sette scatolette di Travelgum che mi hai fatto comprare) e il mitico Nereo, in pensione dall'età di 34 anni e che all'età di 66 adora ancora il proprio lavoro come fosse il primo giorno (ho una bottiglia di ottimo Barolo per te).

E poi c'è l'armata delle dodici donne della mensa con i loro spinaci fosforescenti, l'insalata animata e l'ottima lasagna che sono certo sia buona quanto un piatto di fogli A4 scaldati sul termosifone del bagno in fondo a destra (non mi avrete mai), nonché l'intera reception dell'albergo di cui presto scriverò un libro (dell'orrore ovviamente) e la barista del Martini con la sua spremuta d'arancia da 0,7 litri al costo di due euro e mezzo. 

E come non menzionare poi te Darren, che su ben tre voli Trieste-Roma sei riuscito a farmi rimpiangere i racconti di Ciano e del suo yacht di 400 centimetri (e no, non ho mai mangiato il tuo cioccolatino di Natale che ha intossicato mezzo progetto). E Yuram col suo accento americano (e poi scopro che sei Albanese) e infine JK Yodah meglio noto come il Baby Ruth di Hyderabad, indiano con passaporto americano e tutti gli ansiolitici che ti ho fatto prendere da quando metto in copia il tuo capo. 

Insomma, in attesa del mio prossimo bestseller "BAD and breakfast" ...Kygo Remix!


mercoledì 18 gennaio 2017

Bonaseraciao

Servizio Clienti, il mio nuovo libro è in bozza e ovviamente sarà un thriller....
ma ecco il prologo, fresco fresco: 

ore 19.30, vocina automatica ma che sembra di donna normale che imita la vocina automatica, poi risponde un tizio con voce rauca e accento marcatamente romano, del tipo Bonaseraciao. Sento il silenzio attorno a lui, probabilmente è un'esternalizzazione, un remote working, insomma credo proprio di aver telefonato al vicino di casa mentre si trovava sulla tazza del cesso. Gli spiego la situazione, annuisce, e questo lo capisco dalle pippate di fumo che sento alla cornetta, poi mi fa: "Ma osà che n'èmmica a prima persona chemme dice 'ssa cosa?" Insomma, dopo aver sommessamente pregato di aver avuto un'allucinazione uditiva lo sento continuare.... "E ma io gneposso fa gnente, deve chiamà startro nummero che però...." (avranno staccato alle 17...penso tra me) "...hanno staccato alle 19." Stakanovisti. "Massemmedà unattimo jelodossubbito." Me lo sono immaginato mentre faceva una query nel software aziendale e invece lo sento proprio alzarsi e ciabattare lontano. Oddio penso, ma sto sognando? Credo abbia aperto il frigo o roba simile. Forse il numero era proprio sotto il formaggio, quello per le emergenze. E niente, quando l'ho sentito tornare e pippare di nuovo prima di darmi il numero, allora lì ho chiuso.

Ora, miei cari giovani e novelli Watson.
Per scoprire cos'è successo quando si è alzato, dov'è andato e soprattutto chi è la donna misteriosa che gli ha portato il formaggio beh, per questo dovrete attendere l'uscita del mio prossimo libro!